Quantcast

Ciclovia VenTo “Prioritario il collegamento Piacenza-Cremona”

“Lotto prioritario di immediata realizzazione”: così viene definita la connessione ciclabile tra Piacenza e Cremona, prevista all’interno del percorso di circa 700 chilometri che collegherà Venezia e Torino nel progetto VenTo, nella comunicazione ufficiale arrivata al Comune di Piacenza da parte dell’assessore ai Trasporti e alle Infrastrutture di Regione Emilia Romagna Raffaele Donini, che fa seguito a quella analoga dell’assessore a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità Sostenibile di Regione Lombardia, Claudia Maria Terzi.

Ad annunciarlo l’assessore alla Valorizzazione del Grande Fiume e all’Ambiente, Paolo Mancioppi, che commenta con soddisfazione: “Si vanno a comporre tasselli molto concreti di un mosaico fondamentale per la promozione turistica e la sostenibilità del territorio”.

“La variante al tragitto originario, grazie alla quale la ciclovia passerà anche sulla nostra sponda, è frutto dell’impegno del Comune di Piacenza e oggi, grazie al gioco di squadra con gli altri enti nell’ambito del Contratto di fiume, le due Regioni sono concordi nel definire fondamentale, come primo stralcio del progetto, il collegamento tra Piacenza e Cremona.

“Non poteva esserci notizia migliore – conclude Mancioppi – per accogliere il VenTo Bici Tour, che farà tappa nella nostra città lunedì 27 maggio, guardando al futuro di un progetto cicloturistico il cui indotto stimato, per i 679 km complessivi, è di 100 milioni di euro e 400 mila visitatori l’anno”.

L’anello ciclabile che collegherà le due sponde del Po tra Piacenza e Cremona rientra tra i progetti prioritari i cui studi di fattibilità sono stati trasmessi dalla Regione Lombardia al Ministero delle Infrastrutture entro il 30 aprile scorso, formalizzando nella stessa lettera “l’impegno a compartecipare con risorse proprie all’investimento per la realizzazione della connessione”.

Il tratto, che inizia dall’intersezione tra il percorso dell’argine maestro a San Rocco al Porto, attraversa il fiume con pista ciclabile in sede propria e congiunge la sede ferroviaria di Piacenza al ponte sul Nure di Roncaglia, nei pressi di Fossadello.

Verrebbero quindi integrati, nel tragitto di VenTo, i tratti già esistenti e percorribili delle ciclovie del Po, tra cui quella presente sul ponte della Statale 9. La Regione Emilia Romagna e la Provincia di Piacenza provvederanno inoltre a realizzare – con un investimento di circa 800 mila euro – il ponte ciclopedonale sull’Arda, nel Comune di Villanova, che permetterà di connettere l’itinerario di VenTo con la Ciclovia piacentina del Po e con i tratti già fruibili nel Parmense

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.