Il Conservatorio Nicolini per la formazione musicale in Val Tidone, Val Trebbia e Val Luretta

Il Conservatorio Nicolini partecipa alla nuova iniziativa di alcuni comuni della Val Tidone, Val Trebbia e Val Luretta che mira alla formazione musicale permanente e diffusa nel territorio.

Presenti alla conferenza stampa di presentazione a Gragnano la Presidente del Conservatorio Nicolini, Paola Pedrazzini, e il direttore Lorenzo Missaglia, insieme a Walter Casali, docente del Conservatorio e direttore dell’Istituto musicale Palestrina, i sindaci di Gragnano e Calendasco, Patrizia Calza e Francesco Zangrandi, gli assessori alla cultura di Gragnano e Rottofreno Alessandra Tirelli e Graziella Gandolfini, insieme al presidente dell’Associazione Musicale Palestrina Samuele Morandotti.

“E’ un progetto importante dal punto di vista culturale, di cui il Nicolini è felice di far parte, soprattutto perché coinvolge le scuole. La formazione musicale è fondamentale non solo ai fini dello studio di uno strumento, ma è cultura personale a tutti gli effetti. Un messaggio che nel sistema scolastico italiano fatica a passare. Iniziative come queste sono utili proprio ad un cambiamento in questo senso”.

Il direttore Missaglia ha aggiunto: “Questo progetto congiunto supplisce in parte ad una grande lacuna di cui soffre, dal punto di vista musicale, Piacenza: la nostra provincia è tra quelle che hanno il minor numero di scuole medie ad indirizzo musicale. Iniziative di questo tipo correggono in parte la grave carenza formativa, soprattutto per i giovanissimi”.

L’accordo, oltre al Nicolini, coinvolge l’Istituto Comprensivo “M.K. Gandhi” di San Nicolò, l’Istituto Comprensivo di Pianello Val Tidone, l’Istituto Musicale “Pierluigi da Palestrina’ di Castel San Giovanni, insieme ai Comuni di Rottofreno, Gragnano Trebbiense, Calendasco, Pianello Val Tidone, Agazzano e Comune di Alta Val Tidone.

Da tali enti si avvia così l’iniziativa che mira alla formazione musicale diffusa e permanente sul territorio di riferimento, proponendo ai giovani ma anche a tutti i cittadini dei comuni interessati corsi musicali per ogni fascia di età, contemplando anche percorsi idonei a soggetti in condizioni di difficoltà psicofisiche.

In maniera concertata gli enti coinvolti avvieranno una progettazione comune in relazione ai programmi, alla durata, all’impostazione delle attività didattiche e di laboratorio, con l’obiettivo di armonizzare i processi formativi e formare gli studenti interessati alla frequenza dei corsi Propedeutici e di Triennio accademico di primo livello presso il Nicolini.

II Conservatorio piacentino è l’istituzione di formazione musicale per eccellenza del territorio e da sempre si impegna per implementare attività di orientamento, formazione e insegnamento della musica anche presso soggetti esterni, come avviene nella stretta collaborazione con l’Istituto Musicale Palestrina di Castel San Giovanni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.