Infortuni sul lavoro in aumento, a Piacenza nasce un “Osservatorio”

Verso un protocollo sulla sicurezza sul lavoro per Piacenza, da siglare entro il prossimo mese di giugno, con la nascita di un Osservatorio in materia.

E’ la volontà emersa nel corso della riunione della Conferenza permanente sul tema della “Sicurezza sul lavoro”, presieduta dal Prefetto Maurizio Falco che ha incontrato i rappresentanti di Comune e Provincia di Piacenza, di Asl, Inps, Inail, Itl, delle associazioni di categoria imprenditoriali Confindustria, Coldiretti, Cna, Confapi e Confcooperative, oltre alle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil.

“L’incontro – riferiscono dalla Prefettura – ha posto in evidenza come sia indispensabile, con un sempre più serrato dialogo tra gli attori del sistema istituzionale e non, analizzare nel dettaglio il fenomeno infortunistico, sia come luogo di accadimento che come dinamica, con l’obiettivo ultimo di invertire il trend”.

Infatti, la provincia di Piacenza, secondo i dati presentati dall’Inail relativi al 2018, pur se determinati in valore assoluto, risulta essere in controtendenza rispetto al dato nazionale, con un numero superiore di infortuni rispetto all’anno precedente.

Il Prefetto, “preso atto della massima disponibilità mostrata dai presenti”, ha manifestato la volontà di arrivare entro il prossimo mese di giugno, alla stesura e alla sottoscrizione di un protocollo di intesa sul tema della sicurezza sul lavoro, strettamente correlato a quello della legalità.

Il protocollo – viene spiegato – prevederà la costituzione di un Osservatorio in materia che partirà dall’analisi del fenomeno, valuterà le azioni che saranno poste in campo segnatamente in tema di informazione-comunicazione e sensibilizzazione e ne valuterà, infine, gli sviluppi e i risultati, anche alla luce delle priorità e delle risorse disponibili.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.