Quantcast

Identità digitale, dal 13 maggio sarà possibile richiederla in Comune

Più informazioni su

Dal 13 maggio 2019 agli sportelli QuInfo e Quic del Comune di Piacenza sarà possibile ottenere gratuitamente l’identità digitale Spid.

Spid è il Sistema Pubblico di Identità Digitale che permette ai cittadini di accedere a numerosi servizi online della Pubblica Amministrazione con un’unica Identità Digitale (username e password) utilizzabile da computer, tablet e smartphone.

LA BROCHURE CON LE INFORMAZIONI

Tutti i cittadini maggiorenni possono avere le proprie credenziali gratuitamente per sempre. Si tratta di una iniziativa dell’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna, a cui ha aderito anche la società pubblica Lepida ScpA, che ha delegato al Comune di Piacenza il compito di effettuare il riconoscimento della persona, necessario per il rilascio dell’identità digitale SPID.

Per poter ottenere SPID è necessario eseguire obbligatoriamente una registrazione online e, solo dopo essersi registrati, andare agli sportelli per la fase di riconoscimento: QUIC, via Beverora 57, (per orari e modalità
visitare il sito www.comune.piacenza.it/spid); Quinfo, Piazza Cavalli – cortile Palazzo Gotico (tel 0523.492223/24 – email: quinfo@comune.piacenza.it. Orari: lunedì – sabato 8.30 – 18 senza appuntamento).

Una volta completata la procedura sarà possibile accedere in autonomia a tutti i servizi abilitati. Per chi incontrasse difficoltà nella registrazione può rivolgersi al Quinfo, su appuntamento, e ricevere assistenza.

Dettagli, funzionalità e modalità operative del servizio sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il vice sindaco Elena Baio, il direttore generale del Comune Roberto Gerardi e Barbara Rampini, dirigente del Servizio Risorse umane.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.