Invasi di Mignano e Molato al massimo “Acqua garantita per Val Tidone e Val d’Arda”

Raggiunto il massimo invaso sia alla diga del Molato (Nibbiano di Alta Val Tidone) che alla diga di Mignano (Vernasca).

A darne notizia il Consorzio di Bonifica, sottolineando che “i mesi più piovosi sono stati febbraio e aprile ma l’evento di piena più significativo si è verificato lo scorso fine settimana”.

“Grazie alle precipitazioni trattenute dalle due dighe piacentine – commenta il presidente Fausto Zermani – le vallate del Tidone e dell’Arda hanno garantita la risorsa idrica necessaria alla stagione irrigua ma lo stesso non si può dire dei territori che non hanno infrastrutture per l’accumulo e successiva distribuzione dove l’acqua se n’è andata per sempre senza che il territorio e il settore produttivo ne abbiamo goduto e anzi, creando qualche problema a valle”

“La quantità di pioggia che cade annualmente è pressoché invariata negli ultimi vent’anni. La differenza è che prima cadeva distribuita mentre ora le precipitazioni sono concentrate in 5 o 6 eventi all’anno. Come Consorzio e come cittadini dobbiamo guardare al futuro, avere un’idea di come vorremmo il nostro territorio e perseguire con coraggio quelle azioni che mirano a contribuire al benessere e alla felicità”.

“Le dighe – conclude Zermani – possono essere metaforicamente considerate le madri del territorio a loro sotteso poiché, garantendo lo stoccaggio della risorsa, rappresentano un simbolo di fecondità e protezione delle vallate. Non ci resta che dire buona Festa della Mamma e buon compleanno diga!”

Ecco il trend dei due invasi piacentini dall’inizio dell’anno:

DIGA DEL MOLATO – All’inizio del 2019 la diga del Molato aveva un volume di invaso che si aggirava intorno al 40%. A gennaio complessivamente ci sono state precipitazioni pari a 10,5 millimetri (mm) e l’invaso ha raggiunto 3,25 milioni di metri cubi (mc). A febbraio si è passati a 5,44 milioni di mc di risorsa grazie ai 57,5 mm di piogga e neve caduti.

A marzo la quantità di pioggia ha raggiunto solo gli 8 mm e la diga è aumentata di meno di 1 milione di mc.
Ad aprile invece i 78,5 mm di precipitazioni hanno portato al raggiungimento del massimo invaso consentito (quasi 8 milioni di mc).

Da segnalare l’evento di massima piena registrato tra il 5 e 6 maggio dove sono caduti quasi 65 mm di pioggia ai quali è conseguito un rilascio di 20 metri cubi al secondo pari alla portata in ingresso diga. Manovre, alle fine delle quali, non è conseguito un abbassamento del volume di invaso che continua ad essere pari a quello autorizzato.

DIGA DI MIGNANO – Diverso l’inizio d’anno per la diga della Val d’Arda che è partita con meno del 3% di risorsa (a inizio dicembre era stato effettuato l’ordinario svaso della diga essendosi verificate le condizioni idonee per poterlo effettuare). Le precipitazioni sono cadute con lo stesso andamento registrato in Val Tidone ma con quantitativi leggermente superiori nei mesi di febbraio (62,4 mm) e di aprile (88 mm).

Come invaso, si è passati da 0,36 milioni di mc di acqua presenti alla fine di gennaio a 6,32 milioni alla fine di febbraio per arrivare al massimo consentito alla fine di aprile (10 milioni di mc).

Da segnalare l’evento di massima piena registrato tra il 5 e 6 maggio dove sono caduti quasi 40 mm di pioggia ai quali è seguito un rilascio di 25 metri cubi al secondo pari alla portata in ingresso diga. Manovre che non hanno provocato un abbassamento del volume di invaso che continua ad essere pari a quello autorizzato.

Da segnalare l’importante gara di Triathlon Cross che si svolgerà la prossima domenica, 12 maggio, dalle ore 12, alla diga di Mignano (Vernasca e Morfasso i comuni attraversati): 750 m di nuoto, 12 km di MTb su uno splendido anello sterrato lungo il contorno del lago e infine 5 km di trail sulla collina di fronte alla diga che ora si presenta nella sua massima bellezza. A valorizzare la gara il fatto che domenica la diga di Mignano compirà 85 anni (l’inaugurazione fu il 12 maggio 1934).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.