Quantcast

Lapide partigiana in piazzale Velleia, Giardino “Ora vero monumento alla memoria”

Più informazioni su

Oggetto a più riprese di critiche, arrivate sia da privati cittadini che da associazioni di categoria, la riqualificazione di piazzale Velleia a Piacenza riesce tuttavia a mantenere fede all’impegno preso, nel marzo 2018, di restaurare e dare nuova dignità alla lapide in memoria di due giovani partigiani uccisi durante la seconda Guerra Mondiale.

Il consiglio comunale aveva infatti approvato (con una sola astensione) un ordine del giorno bipartisan, che vedeva come prima firmataria la consigliera Pd Giulia Piroli, in cui si chiedeva che venisse preservato e restaurato questo simbolo della nostra storia più recente. Analoga richiesta era stata avanzata dall’ex parlamentare dem Marco Bergonzi.

Ora i lavori in piazzale Velleia proseguono spediti, e un primo risultato è proprio la restituzione alla città della lapide, come ha fatto presente durante la sua orazione, in occasione del 25 aprile, il sindaco Patrizia Barbieri.

Lo sottolinea anche il consigliere del gruppo misto Michele Giardino, postando sul proprio profilo Facebook le foto del “prima e dopo la cura”. “Renato Gatti e Carlo Alberici, i due giovani partigiani fucilati a cui è dedicata la lapide in piazzale Veleia – che il Comune ha voluto conservare dopo i lavori di riqualificazione – saranno finalmente ricordati con l’onore che il loro sacrificio merita presso di noi e presso le future generazioni di piacentini – scrive Giardino su Facebook -. Nelle foto, la lapide (a lavori non ultimati) com’è oggi, un vero monumento alla memoria; e com’era ieri, praticamente invisibile”.

“La lapide – precisa nei commenti l’assessore all’urbanistica Erika Opizzi – è stata restaurata da un marmista e lasciata nella stessa posizione. Con la riqualificazione dell’area oggi è un monumento”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.