“Leingua Mädar”, serata dedicata al dialetto con la scuola della Famiglia Piasinteina

Più informazioni su

“Leingua Mädar”. Cos’è? E’ la prima parte del saggio di fine corso della scuola di lingua piacentina della Famiglia Piasinteina, dedicata a Luigi Paraboschi e realizzata in collaborazione con Fondazione di Piacenza e Vigevano e Anspi Domus.

L’appuntamento è al Teatro President (via Manfredi, 30) giovedì 9 maggio alle 21. Considerato l’elevato numero dei partecipanti, questa prima parte del saggio vedrà in scena ventuno “allievi” – dai 18 ai 74 anni – alle prese con poesie e racconti che hanno come filo conduttore la piacentinità e il valore della nostra lingua.

Il 21 febbraio di ogni anno cade la giornata internazionale della lingua madre, proclamata dall’Unesco per promuovere la diversità linguistica e culturale e il multilinguismo. “La lingua madre, che per noi è il nostro dialetto, – spiega la Famiglia Piasinteina – è la parola che i bambini sentono pronunciare all’interno della propria famiglia, dalla mamma, dal papà, dai nonni, ricca di saggezza e di buonsenso”.

“Leingua Mädar – proseguono – più che uno spettacolo è un’esortazione per i piacentini a continuare ad amare il proprio idioma locale, nobilitandolo con il termine lingua pur sapendo che non è corretto in termini scientifici, per non ridurlo ad usarlo solo per barzellette o imprecazioni. È un viaggio all’interno della nostra lingua, nella sua storia, nella nostra cultura e nelle cose che ci caratterizzano, rendendoci unici nel mondo”.

I protagonisti di questa serata sono persone che unite dalla passione e da un autentico sentimento per il nostro dialetto hanno scelto di mettersi in gioco, divertendosi a loro volta.

Leingua Mädar ha la regia di Cesare Ometti, con Andrea Bergonzi e l’assistenza di studio di Paola Nicelli. Con la partecipazione di: Giovanna Bandini, Antonio Bassi, Alberto Bettinardi, Elena Borotti, Sara Bosetti, Lucia Bosi, Anna Botti, Paola Camia, Corrado Canepari, Antonio Corvi Cardona, Manuela Costa, Monica Dallacasagrande, Marilisa Fiorani, Enrico Fogliazza, Nicoletta Gandolfi, Pietro Messori, Gianmarco Morbelli, Giulia Pisati, Fabrizio Solenghi, Giulia Tebaldi e con la partecipazione di Jonathan Morbelli alla chitarra.

Ingresso libero.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.