Il Giro arriva a Piacenza: entusiasmo per il passaggio in città. Festa per Guarnieri fotogallery

E’ entrata in provincia di Piacenza dopo le 14, anticipata dai tre fuggitivi Frapporti, Cima e Maestri la carovana rosa del Giro d’Italia.

Tanta gente lungo il percorso che ha attraversato i comuni e in particolare Piacenza. I fuggitivi e il gruppo sono stati salutati dagli spettatori assiepati sui marciapiedi e che hanno invaso le strade – in particolare viale Dante, via Manzoni, via Cella, la via Emilia – momentaneamente liberate dalle vetture. Un maniera diversa di vivere la città, anche se per un giorno solo.

Grande il lavoro dei volontari – circa 200 – e delle forze dell’ordine per consentire il passaggio dei ciclisti senza problemi e per regolare la viabilità urbana. Pochi minuti dopo il transito dell’auto con il cartello “fine corsa” le strade sono state riaperte al traffico veicolare.

FESTA PER JACOPO GUARNIERI A FIORENZUOLA – Una giornata speciale per il ciclista piacentino Jacopo Guarnieri che a Fiorenzuola ha trovato ad attenderlo familiari e tifosi, con tanto di striscione. Nel video di Eurosport Guarnieri, che è in forza alla formazione Groupama – Fdj di Arnaud Demare, mentre riceve l’abbraccio dei sostenitori.

LA TAPPA A CALEB EWAN – Come da copione si è conclusa con una volata la tappa “piatta” da 222 chilometri da Carpi a Novi Ligure, terra di Fausto Coppi, che ha attraversato la provincia di Piacenza. A vincere la sfida dei velocisti l’australiano Caleb Ewan, al suo secondo successo di tappa alla corsa rosa, secondo il trionfatore di Modena Arnaud Dermare, terzo Pascal Ackermann nonostante la brutta caduta nella tappa del 21 maggio, e solo quarto il tricolore Elia Viviani.

Il Giro d’Italia ha voluto celebrare i 100 anni dalla nascita del Campionissimo Fausto Coppi con una tappa di pianura che è stata l’ultima occasione per i velocisti prima delle montagne. I ciclisti sono partiti da Carpi alle 12. A Piacenza le strade coinvolte dal passaggio della corsa sono state chiuse poco prima delle 13.

IL PASSAGGIO DELLA TESTA DELLA CORSA IN VIA CELLA

 

L’ATTESA A PIACENZA

LA DIRETTA RAI

SEGUI LA DIRETTA DAL SITO DEL GIRO

LA DIRETTA Twitter

Maglia rosa in viale Dante Giro d'Italia

La maglia rosa Valerio Conti mentre transita in viale Dante

POLEMICA GIRO E BIKE – Qualche polemica per il Giro E, la manifestazione dedicata alle biciclette elettriche. A lamentarsi, con post su Facebook dal titolo “Occasione persa e disagi”, è stato il sindaco di Rottofreno Raffaele Veneziani: “Nella mattinata di oggi – scrive – si è verificato dapprima un considerevole ritardo del Giro E rispetto alla tabella di marcia, con altrettanto considerevole ritardo nelle operazioni di ripristino della circolazione.  Me ne dispiaccio e mi scuso con tutti gli utenti che hanno subito disagi, pur essendo il ritardo ascrivibile alla sola organizzazione di corsa verso la quale farò pervenire una nota di sincero biasimo”.

“L’occasione persa si riferisce al fatto che i tifosi (peraltro più numerosi di quanto prevedessi) non hanno visto passare alcuna bicicletta, né elettrica né tradizionale, ma solo la carovana degli sponsor. Anche in questo senso chiederò spiegazioni, anche perché lo spiegamento di forze e l’impegno profuso per la sicurezza e la chiusura di una arteria da 30.000 transiti/giorno meritava un maggior rispetto, ma soprattutto lo meritava la gente chiamata a sopportare disagi ben più gravi di quanto previsto e comunicato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.