Premiati a Bologna i sei nuovi Maestri del lavoro piacentini

Più informazioni su

Sei i piacentini che nella giornata del primo maggio hanno ricevuto “La Stella al merito del Lavoro”: si tratta di Pier Luigi Bricchi, Gabriele Doppiu, Carlo Ghisoni, Stefano Paraboschi, Gaetano Rizzuto, Fabrizio Samuelli, accompagnati da una delegazione del Consolato di Piacenza composta dal Console Emilio Marani, dal segretario Sergio Caccialanza, e dai consoli emeriti Aldo Tagliaferri e Roberto Girasoli

Li ha insigniti a Bologna il prefetto Patrizia Impresa, nel corso di una partecipata cerimonia nell’Aula Magna Santa Lucia dell’Alma Mater. Erano presenti anche il Console Regionale Alessandra Castelvetri, il direttore dell’Ispettorato del Lavoro di Bologna Alessandro Millo, l’assessore coordinamento politiche europee Patrizio Bianchi, a seguito del decreto di nomina arrivato nei giorni scorsi dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Da Piacenza hanno partecipato il vice Prefetto Leonardo Bianco, Francesco Rolleri sindaco diVigolzone, Angelo Ghillani sindaco di Gossolengo e Giuseppe Caruso presidente del Consiglio Comunale di Piacenza.

Non era presente Rizzuto (ha ritirato l’onorificenza il Console) perché invitato al Quirinale dal presidente nazionale Elio Giovati (vedi sotto). Al termine della cerimonia famigliari e amici hanno festeggiato gli insigniti nel corso di un pranzo conviviale all’Hotel Savoia.

SCUOLA – LAVORO, L’ESPERIENZA DI PIACENZA ESEMPIO NAZIONALE – Mentre a Bologna, il Primo Maggio, i nuovi Maestri del Lavoro piacentini ricevevano la “Stella al Merito del Lavoro”, a Roma, al Quirinale si svolgeva la solenne celebrazione della Festa del Lavoro con il presidente Mattarella e il ministro del Lavoro Di Maio e le massime autorità dello Stato.

Alla cerimonia di Roma ha partecipato anche Gaetano Rizzuto (nella foto), nuovo Maestro, già direttore di Libertà, che ha fatto parte della delegazione nazionale guidata dal nuovo presidente della Federazione Maestri del Lavoro d’Italia (eletto il 20 marzo), il parmigiano Elio Giovati, già capo della comunicazione di Cariparma e Piacenza.

Rizzuto e Giovati a Roma

Giovati è il primo presidente emiliano-romagnolo della Federazione Maestri del Lavoro d’Italia e ha portato a Roma l’esperienza del mondo delle imprese emiliano-romagnole che investono sulla sostenibilità.

“I mille Maestri del Lavoro che ricevono la Stella – ha detto nel suo discorso al Quirinale – provengono da aziende italiane sovente identificate come eccellenze condotte da imprenditori illuminati che, senza disconoscere il business, hanno a cuore la sostenibilità sia riferita alla persone come all’ambiente e, in tal senso, investono risorse ed energie”.

Giovati ha sottolineato in particolare il grande ruolo dei Maestri nel fare incontrare la scuola con il mondo del lavoro, come avviene da 15 anni a Piacenza. Il caso Piacenza, più di 15 mila studenti coinvolti, è un esempio a livello nazionale.

“Ogni anno – ha detto Giovati – sono decine e decine di migliaia gli studenti coinvolti con i nostri progetti di “testimonianza formativa”, migliaia gli insegnanti e i dirigenti scolastici con i quali approntiamo e miglioriamo la nostra azione nel mondo della scuola e tantissime le famiglie con le quali ci interfacciamo; particolarmente consistente è il volume di ore dedicate in aula e nelle visite aziendali”.

“Pensiamo così – ha concluso il presidente della Federazione Maestri del Lavoro – di fare la nostra parte rispondendo a quel bisogno di società civile, a quel senso di comunità libera e democratica che si respira, come desiderata, nel Paese, testimoniando con il vissuto l’etica nel lavoro ed affermando che donando a larghe mani si riceve, verosimilmente, di più. Noi Maestri siamo detentori di un patrimonio, di un vissuto che riteniamo giusto donare spontaneamente e volentieri alle giovani generazioni”.

 LE SCHEDE E LE FOTO DEI NUOVI MAESTRI DEL LAVORO

Maestri del lavoro 2019

Bricchi Pier Luigi, nato a Castelvetro Piacentino (Piacenza) il 4/03/1960, dipendente di ENEL Energia sede di Piacenza dal 1/09/1981 , attualmente Senior Key Accauntant Manager per la provincia di Piacenza, 37 anni di servizio. Nell’arco della sua lunga carriera in ENEL, iniziata nel 1981 come operaio di squadra, il candidato ha saputo raggiungere e finanche superare i target aziendali programmati, operando in piena autonomia e con un elevatissimo livello di affidabilità.

Sin dall’inizio il sig. Bricchi ha posto in primo piano i valori della correttezza e dell’onestà, il rispetto nei riguardi delle gerarchie e dei responsabili inseriti nella struttura organizzativa aziendale ed ha rappresentato un encomiabile esempio per i colleghi. Dotato di una spiccata capacità di analisi dei contesti, il sig. Bricchi ha fornito un lucido apporto professionale, mediante critiche costruttive e spunti di riflessione, non soltanto circoscritto al suo ambito di competenza ma coinvolgendo le altre linee organizzative.

Il candidato è sempre stato particolarmente attento all’applicazione delle norme in materia di sicurezza sul lavoro, grazie ai seminari formativi e all’applicazione dei rigorosi standard aziendali di “qualità e sicurezza”. Il sig Bricchi è stato spesso inserito all’interno di gruppi di lavoro/studio su varie problematiche, fra le quali spiccano quelle correlate alla sicurezza, e non ha mai mancato di fornire anche in questo fondamentale ambito il suo qualificato apporto dettato dall’esperienza.

Il candidato è stato simpaticamente soprannominato “la nave scuola degli account manager” in quanto la lunga esperienza, la conoscenza degli argomenti e la naturale predisposizione ad interagire con gli altri lo hanno reso un ottimo formatore. Nei riguardi dei neo-assunti il candidato ha sempre fornito un generoso apporto teorico e pratico, tanto che l’azienda lo ha coinvolto nella formazione di tutte le risorse umane”.

Maestri del lavoro 2019

Doppiu Gabriele, nato a Padova l’8/06/1959, Diploma di Disegnatore Meccanico, dipendente di Poste Italiane SpA di S. Giorgio P.no (PC) dal 20/01/1982, 37 anni di servizio continuativo, Quadro Responsabile CSD Macro Area L.

Il candidato, grazie alla laboriosità, al senso di responsabilità, alle capacità professionali ed organizzative, gradualmente ha saputo percorrere le tappe della carriera in Poste Italiane, dalle mansioni connotate da un ambito più “operativo” sino all’incarico di “responsabile di ufficio”. La tenacia, la dedizione e l’attenzione estrema alla salvaguardia della legalità nei comportamenti e nelle procedure dimostrate dal candidato hanno fornito un prezioso, insostituibile apporto al miglioramento dell’attività aziendale.

Il sig. Doppiu, assunto con contratto a tempo indeterminato in Poste Italiane nel 1982, ha svolto con serietà ed entusiasmo tutte le attività relative alla spedizione della corrispondenza, da caposquadra portalettere sino a responsabile di ufficio. La sua personalità è stata sempre contraddistinta da un tratto di “univocità” nella comunicazione rivolta ai collaboratori, improntata all’ordine e alla precisione, oltre alla forte attenzione alla corretta applicazione delle mansioni.

Nella lunga carriera egli ha sempre mantenuto un comportamento esemplare nei riguardi sia dei colleghi, sia dei superiori. Il candidato è particolarmente attento alle problematiche della sicurezza sui luoghi di lavoro, formando le maestranze e prodigandosi per fare rispettare le norme. Il suo atteggiamento in questo settore ha confermato l’indole estremamente rigorosa del candidato, scevra da qualsivoglia forma di superficialità nei riguardi dell’attività aziendale.

Maestri del lavoro 2019

Ghisoni Carlo, nato a Cortemaggiore il 29/08/1961, Diploma di Ragioneria, dipendente di Chiesi Farmaceutici SpA di Parma dal 10/06/1991, 27 anni di servizio continuativo preso la stessa azienda, Direttore Amministrazione Italia e Corporate Tax & Treasury.

Entra in Chiesi Farmaceutici spa nel 1991 in qualità di Responsabile della Contabilità Clienti; nel 1993 assume la carica di Capo Contabile con la responsabilità delle attività di contabilità generale, fornitori e clienti , coordinando 15 risorse.

Nel 1999 diventa Vice Direttore Amministrativo di Chiesi Farmaceutici spa con responsabilità anche sulle controllate italiane della capogruppo, coordinando 35 risorse. Nel giugno del 2002 viene nominato Direttore Amministrazione e Finanza mantenendo la responsabilità anche della Controllante del gruppo e delle sue controllate italiane, gestendo 45 risorse . Nel corso del 2004 assume la responsabilità della neocostituita unità di Internal Audit.

Dalla costituzione, avvenuta nel 2008, è membro del Consiglio di Gestione della Chiesi Foundation Onlus; dal 2012 assume la carica di Direttore Amministrazione Italia e Corporate Tax & Treasury mantenendo la responsabilità della Controllante del gruppo e delle sue controllate italiane, gestendo 51 risorse.

Dal 2014 è membro del Consiglio di Amministrazione di Fondazione Piacenza e Vigevano. Dal 2015 è membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Verani Lucca. Dal 2018 è membro del Consiglio di Amministrazione di Fonchim fondo pensioni complementare per i lavoratori dell’industria chimica e farmaceutica e dei settori affini.

Maestri del lavoro 2019

Paraboschi Stefano, nato a Ponte dell’Olio (PC) il 24/07/1968, Diploma di maturità linguistica, dipendente di Rolleri SpA di Vigolzone (PC) dal 19/01/1987 a tutt’oggi, 33 anni di servizio, Impiegato Tecnico.

Il candidato ha iniziato il suo percorso lavorativo in qualità di operaio tornitore. Nel 1997 l’Azienda, da piccola realtà artigiana, comincia a scommettere sulla possibilità di espandersi e si avvale, per costruire il nucleo dell’ufficio tecnico, del nostro candidato, che insieme ad un collega anziano, con entusiasmo e voglia di mettersi in gioco, riesce a far fronte alle esigenze più complesse della clientela. Grazie al suo impegno ed alla professionalità acquisite riesce a far crescere l’azienda e a farle acquisire nuove quote di mercato nel settore in cui opera.

Dopo il pensionamento del collega anziano, è riuscito a sostenere il nucleo tecnico con la sua capacità progettuale, dimostrando ancora una volta di non temere nuove sfide nell’impegno che lo aspettava. Anche in occasione della crisi mondiale della meccanica del 2002, ha saputo sostenere l’Azienda conservando i rapporti commerciali con i clienti più importanti ed oggi la Rolleri SpA ha superato brillantemente questo momento di difficoltà ed ha recuperato in pieno le quote di mercato.

Il candidato ha dimostrato capacità tecniche eccellenti, attaccamento all’azienda anche nei momenti difficili, intraprendenza. E’ sempre un punto di riferimento per i colleghi che si rivolgono a lui sapendo di trovare sempre la soluzione migliore per le problematiche proposte.

Maestri del lavoro 2019

Rizzuto Gaetano, nato a Salemi (Valle del Belice), è residente a Piacenza dal settembre 2000, dove ha diretto, sino al dicembre 2015, il quotidiano LIBERTA’. Giornalista dal 1968, allievo del sociologo Danilo Dolci, ha lavorato per quattro quotidiani: L’ORA (13 anni), La Provincia Pavese (8 anni), IL SECOLO XIX (13 anni), LIBERTA’ (oltre 15 anni).

Per 36 anni ha diretto tre quotidiani a Pavia, a Genova e a Piacenza innovando, valorizzando i territori, sviluppando la localizzazione con nuove edizioni, introducendo in redazione le più moderne tecnologie, facendo crescere una nuova generazione di giornalisti.

Ha iniziato la sua attività al Giornale L’ORA di Palermo, il 15 gennaio 1968, la notte del terremoto in Sicilia, prima come corrispondente dalla Valle del Belice, poi capo della redazione di Trapani e dal 1978 come caporedattore della redazione centrale di Palermo, impegnandosi nella lotta alla mafia.

Nel 1980 entra nel Gruppo l’Espresso e assume la direzione del quotidiano “La Provincia Pavese”, trasformando il giornale in tabloid, aprendo tre edizioni (Pavia, Voghera-Oltrepò, Vigevano-Lomellina), realizzando iniziative editoriali con l’Università di Pavia, portando la diffusione a 25 mila copie. Nel settembre 1987, chiamato dalla famiglia Perrone, entra al “Secolo XIX” e lo dirige sino al gennaio 2000 portandolo al massimo storico della diffusione (169 mila copie) con sette redazioni che realizzavano sette edizioni locali.

Nel 2000, da febbraio ad agosto, è stato direttore della “Sviluppo Quotidiani”, una syndacation fra sei importanti quotidiani regionali italiani. Il 1° settembre 2000 Donatella Ronconi ed Enrica Prati lo chiamano a Piacenza e lo nominano direttore responsabile del quotidiano “Libertà”, del TGL di Telelibertà e del portale internet Libertà on Line.

Ha diretto il quotidiano dei piacentini con equilibrio e professionalità aprendo il giornale alla società e ai giovani, facendolo diventare un punto di riferimento per tutto il territorio, contribuendo a tenere i bilanci in attivo. Ha trasformato il giornale, con una nuova generazione di giornalisti, innovandolo nei contenuti, nella foliazione e nel formato tabloid con l’introduzione del full color, facendone uno dei più moderni giornali locali. Ha portato il quotidiano nelle scuole della provincia di Piacenza aprendo una scuola di giornalismo per le testate studentesche.Ha creato campagne per la sicurezza nei posti di lavoro facendo crescere la cultura della prevenzione.

E’ impegnato in associazioni culturali (Cineclub Cattivelli), di volontariato (Progetto Vita), di impegno sociale come l’Associazione Libera di don Ciotti e l’Associazione Gru della Pace e di impegno sportivo (Consorzio Velodromo di Fiorenzuola).

Fabrizio Samuelli

Samuelli Fabrizio, nato a Piacenza il 28/06/1965, Diploma di Istituto Tecnico, dipendente di Confesercenti Piacenza dal 4/05/1993 a tutt’oggi, complessivamente 25 anni di servizio , attualmente impiegato di I livello.
Il Sig. Samuelli ha sempre manifestato grande disponibilità all’impegno, alla laboriosità, all’arricchimento delle conoscenze.

Ha approfondito ed ampliato i possibili servizi da offrire ai soci della Confesercenti Piacenza. Si è spesso confrontato con il mondo associativo e con le pubbliche amministrazioni diventando noto alle strutture regionali e nazionali della Confesercenti. Grazie al suo contributo l’associazione di categoria ha potuto incrementare ed ampliare la quantità e la qualità delle attività svolte in favore degli associati.

Dal 5 marzo 2014 nomina alla carica di vice Direttore vicario della Confesercenti di Piacenza. Dal 2015 membro del Comitato Provinciale INPS e della commissione speciale dei commercianti.Dal novembre 2016 nominato membro della Presidenza nazionale Federfranchising Confesercenti. Da giugno 2018 nominato membro della Presidenza nazionale Fiepet (Federazione Italiana degli Esercizi Pubblici E Turistici) Confesercenti.

Inoltre lo stesso ha sempre contribuito in modo determinante allo sviluppo di corrette prassi lavorative al fine di garantire la sicurezza dei colleghi e dei clienti all’interno dei luoghi di lavoro. Altresì rilevante è stato il suo supporto, anche umano, offerto ai giovani, sia neoassunti che tirocinanti, riguardante sia la trasmissione delle proprie conoscenze ed esperienze sia la disponibilità al dialogo ed al confronto costruttivo.

Il candidato ha sempre dimostrato una specchiata condotta morale, disponibilità nei confronti di colleghi e superiori, di aiuto, anche umano, nei confronti dei giovani colleghi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.