A 35 anni dalla morte di Berlinguer, l’omaggio bipartisan dei politici piacentini foto

Sono trascorsi 35 anni da quei giorni di giugno del 1984, quando morì il segretario del Partito Comunista Italiano Enrico Berlinguer.

Tanti i ricordi, le citazioni e le rievocazioni da parte di molti politici e non, per riavvolgere il nastro della memoria ad una stagione politica ormai lontanissima.

Tra questi, anche quelli di due esponenti politici piacentini su fronti opposti, Paola De Micheli e Tommaso Foti.

Berlinguer morì durante un comizio a Padova (anche allora eravamo in campagna elettorale per le Europee) e sono rimaste impresse nel ricordo di tantissimi le sue ultime sofferenti parole dal palco, mentre viene colpito da un ictus cerebrale.

La cadenza del discorso che si fa sempre più faticosa e, nonostante il malore, la sua volontà di non desistere, di andare avanti.

Quella di Enrico Berlinguer è stata una personalità largamente stimata, anche oltre le differenze politiche. Anche per quel suo modo di congedarsi dalla vita, dalla prima linea, senza voler interrompere sino alla fine il contatto con il suo popolo.

E fa riflettere che ancora oggi, a 35 anni di distanza, la stima resti immutata da sinistra a destra.

Nei post tratti da Facebook che seguono il ricordo tributato dalla piacentina Paola De Micheli, vice segretaria del Pd, che ha visitato la tomba del leader comunista alla guida di una delegazione del partito.

E quello, ancor più significativo forse, del deputato piacentino di Fratelli d’Italia Tommaso Foti, che nel suo intervento alla Camera dei Deputati ha ricordato il gesto per certi versi clamoroso dell’allora segretario dell’Msi Giorgio Almirante, avversario storico del Pci, che si mise in fila a Botteghe Oscure per rendere omaggio al feretro di Berlinguer. E venne accolto dai comunisti con rispetto (Per chi vuole approfondire leggere qui).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.