Musei e archivi diocesani aprono le porte: tre giorni di iniziative tra fede e cultura

Una settimana per mostrarsi al pubblico, farsi conoscere e valorizzare il rapporto unico che li lega al territorio e alla comunità locale.

Dal 3 al 9 giugno si svolgerà in tutta Italia l’iniziativa nazionale “Aperti al Mab. Musei archivi biblioteche ecclesiastici”, una sorta di Open week con l’obiettivo di rilanciare il ruolo svolto da ogni istituto culturale sul territorio e nei confronti della sua comunità.

Musei, archivi e biblioteche ecclesiastici partecipano all’iniziativa promuovendo, in raccordo tra di loro o anche come singoli istituti, aperture straordinarie, visite guidate, mostre, seminari o convegni per mettere in luce il loro stretto legame col territorio e la comunità locale.

A promuovere il progetto l’ Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della Cei insieme all’Associazione musei ecclesiastici italiani (Amei), all’Associazione archivistica ecclesiastica (Aae) e all’Associazione dei bibliotecari ecclesiastici italiani (Abei), con il patrocinio del coordinamento MAB-Italia Musei archivi biblioteche e in collaborazione con l’International archives day e con le Giornate nazionali dei musei ecclesiastici.

La Diocesi di Piacenza-Bobbio aderisce alla settimana “Aperti al MAB” con tre eventi:

venerdì 7 giugno 2019 ore 17,30 presso Kronos, via Prevostura 7, la presentazione della nuova guida del Museo della Cattedrale di Piacenza

sabato 8 e domenica 9 giugno due itinerari guidati arricchiti da esposizioni di materiali preziosi e poco noti. Gli itinerari coinvolgeranno tre istituti culturali: Kronos-Museo della Cattedrale, gli Archivi Storici Diocesani e la Biblioteca del Seminario Vescovile.

È possibile scoprire tutti gli eventi su: beweb.chiesacattolica.it/aperti-al-mab

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.