Bellocchio torna “maestro” di regia a Bobbio. Iscrizioni al via anche per il seminario di critica

Nella società contemporanea, orientata verso la multimedialità, le immagini sono diventate sovrabbondanti: è  quindi sempre più urgente un approfondimento “sul loro linguaggio, per poterle decifrare, controllare e selezionare in base al loro valore artistico e culturale”.

Così Paola Pedrazzini, direttrice della Fondazione Fare Cinema presieduta da Marco Bellocchio, ha presentato alla Fondazione di Piacenza e Vigevano il corso di alta specializzazione in regia cinematografica e la Summer School di critica cinematografica collegata al Bobbio Film Festival, in programma a Bobbio (Piacenza) tra luglio e agosto.

Già aperte le iscrizioni al corso di alta specializzazione in regia cinematografica, in programma dal 25 luglio al 10 agosto; a numero chiuso, sarà tenuto dal regista Marco Bellocchio – reduce dal Festival di Cannes dove ha presentato la pellicola “Il traditore” e finalizzato alla realizzazione di un cortometraggio da lui diretto. Un’esperienza unica per i selezionati che consentirà di acquisire competenze pratiche da set cinematografico.

Tutti gli interessati a partecipare dovranno inviare entro il 12 luglio la propria domanda di iscrizione (bandi e allegati richiesti scaricabili dai siti www.comune.bobbio.pc.it e www.fondazionefarecinema.it). L’iscrizione al corso prevede una retta da saldare al comune di Bobbio di 290 euro.

In contemporanea, dal 27 luglio al 10 agosto, è in calendario anche il seminario di critica cinematografica, un percorso formativo articolato in laboratori, lezioni e seminari a cura di Ivan Moliterni docente, saggista e critico cinematografico. Sono previsti interventi e testimonianze di alcuni dei più autorevoli esponenti della critica cinematografica italiana, fra cui Enrico Magrelli, Anton Giulio Mancino, Giona Nazzaro e Stefano Francia di Celle.

I partecipanti avranno modo di esercitarsi sulla scrittura della recensione, sul ritmo di scrittura, l’analisi e l’interpretazione del film. Verranno affrontati anche temi di valorizzazione del patrimonio cinematografico attraverso la funzione del critico come programmatore e selezionatore. Trenta i posti disponibili per il seminario, per la partecipazione è richiesta una recensione scritta (3000 battute) di un film italiano uscito nelle sale nel 2019. Il materiale andrà inviato entro il 20 luglio all’indirizzo seminariocritica@bobbiofilmfestival.it. La quota di partecipazione per i candidati selezionati sarà di 190 euro.

“Un’occasione più unica che rara, ci dicono gli ex corsisti a proposito di questi momenti di formazione – sottolinea Paola Pedrazzini -, i selezionati avranno l’occasione di seguire i corsi in concomitanza col Bobbio Film Festival che offrono loro l’opportunità di entrare a far parte della giuria del festival sotto la direzione di Bellocchio. Potranno quindi intervistare e conoscere gli artisti presenti al festival”.

“Dopo 21 anni di progettualità sul Festival – ha voluto rimarcare il sindaco di Bobbio Roberto Pasquali – Bobbio è diventata una realtà indissolubile con il cinema, Bobbio vuol dire “Fare cinema”.

IL BANDO FARE CINEMA

LOCANDINA CORSO REGIA CINEMATOGRAFICA

LOCANDINA SEMINARIO CRITICA CINEMATOGRAFICA

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.