Confindustria oggi in assemblea parla di crescita sostenibile

Economia circolare protagonista alla 74° assemblea di Confindustria Piacenza in programma nel pomeriggio di oggi, 27 giugno, all’Università Cattolica.

Tanti i protagonisti dell’annuale incontro degli industriali piacentini per trattare un tema centrale per le prospettive di sviluppo e di sostenibilità dell’intero pianeta. “Innanzitutto – spiegano da Confindustria – ascolteremo le imprese. Un video ci farà conoscere alcune esperienze, esempi di un impegno che sta coinvolgendo un numero sempre più elevato di aziende. Tutte le imprese, di qualsiasi dimensione e di qualunque settore, stanno cercando soluzioni green sia sul fronte produttivo che su quello energetico”.

“In molti casi poi ci si è resi conto della possibilità di riavviare il circolo, proprio secondo i canoni di una nuova economia che chiede di ripensare il tradizionale ciclo produttivo lineare. Alcune produzioni lo consentono e questo trova già tante aziende molto interessate”.

“Indispensabile il contributo della ricerca scientifica che svolge un ruolo fondamentale. La presenza a Piacenza delle sedi della facoltà di Agraria della Università Cattolica del Sacro Cuore e del Politecnico di Milano con i loro centri di ricerca sono una miniera importantissima di sapere. Saranno Mario Grosso – Professore Associato presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale del Politecnico di Milano – Ricercatore LEAP – Laboratorio Energia Ambiente Piacenza ed Ettore Capri – Professore Ordinario Facoltà di Scienze Agrarie Alimentari ed Ambientali della sede di Piacenza Università Cattolica del Sacro Cuore che introdurranno i presenti nell’immenso patrimonio di conoscenze che si trova nei nostri atenei. Senza la ricerca non si riuscirà a rispondere in modo adeguato alle necessità di un pianeta abitato da un numero crescente di persone senza che a crescere ci siano spazi e risorse per far fronte agli aumentati fabbisogni”.

La chiusura è affidata a Gunter Pauli iniziatore della Blue Economy, imprenditore ed economista, fondatore di Zeri (Zero Emission Research Initiative), rete internazionale di scienziati, studiosi ed economisti che si occupano di trovare soluzioni innovative alle principali sfide cui le economie e la società sono poste di fronte, progettando nuovi modi di produzione e di consumo. A coordinare l’incontro Gianni Trovati editorialista e giornalista del Sole 24Ore.

“In questi anni – afferma il presidente Alberto Rota – abbiamo visto crescere la consapevolezza della necessità di coniugare crescita aziendale e sostenibilità sociale ed ambientale. Le aziende hanno introdotto innovazioni anche grazie agli incentivi di Industria 4.0; sono più attente ai consumi energetici ed alla loro impronta ambientale. In tutto questo l’interazione con le università ed i centri di ricerca è importantissima. A Piacenza ne abbiamo di eccellenti. La nostra ricerca è in grado di darci le risposte che ci servono”.

“Ne abbiamo avuto un esempio anche in occasione dell’assemblea dello scorso anno con Roberto Cingolani, il Direttore dell’IIT di Genova, un vero fiore all’occhiello di cui andare immensamente fieri. Sono tutte testimonianze che ci consentono di avere fiducia nel domani e ci spronano a continuare nel nostro percorso di crescita aziendale, unico vero strumento per garantire benessere sociale. Gli indispensabili cambiamenti dei modelli di business, come sostiene Gunter Pauli, attrarranno nuove attività imprenditoriali come di fatto sta già avvenendo. La sua Blue Economy, che persegue una crescita sostenibile a lungo termine per creare nuovi posti di lavoro di qualità, non può che catturare la nostra attenzione. Per questo non vediamo l’ora di ascoltarlo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.