PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Doppio colpo in posto quattro per la Canottieri Ongina: torna Caci e arriva Amorico

Un ritorno di lusso e il primo arrivo di qualità. Dopo due conferme, è giunta l’ora delle prime novità in casa Canottieri Ongina, società piacentina che desidera alzare l’asticella dopo l’ottavo posto in serie B maschile e provare a tornare ai piani alti da sempre frequentati in ambito cadetto.

Blindata la diagonale palleggiatore-opposto con Federico Boschi ed Henry Miranda, entrambi confermati, il sodalizio giallonero presieduto da Fausto Colombi forma un asse di posto quattro di assoluto livello: a comporlo saranno Sandro Caci e Nicola Amorico.

Classe 1993 e alto due metri, Caci è originario di Gela e torna a vestire giallonero dopo l’esperienza in A2 a Taviano, mentre in precedenza aveva già schiacciato per tre anni a Monticelli, conquistando in un’occasione la seconda serie nazionale. In carriera ha giocato prima da opposto poi da schiacciatore e nel 2012 aveva centrato un successo di grido con la medaglia d’oro all’Europeo Juniores in Polonia con l’Italia di Marco Bonitta. Nell’occasione, Caci fu nominato mvp della manifestazione.

Amorico, invece, è originario di Foggia, dove è nato l’8 luglio 1985 ed è uno schiacciatore di 199 centimetri. Nella scorsa stagione ha calcato – al pari di Caci – i campi di A2 vestendo la maglia della Conad Reggio Emilia, dopo tantissime esperienze di alto livello tra B1 e B2 e infine nella B unica a Mantova e Motta di Livenza.

BENTORNATO SANDRO – “Torno a Monticelli – spiega Caci – con tanta voglia di riscatto dopo un’annata altalenante a Taviano. Ritrovo un ambiente che avevo già vissuto per tre anni, conosco Fausto (Colombi, il presidente), come lavora e questo mi ha dato una grossa mano, unitamente all’idea di squadra che si vuole costruire con un programma ambizioso. La mia precedente esperienza è stata fondamentale nella mia crescita, penso di essere migliorato un po’ in tutto nell’arco degli anni; qui ho raccolto grandi soddisfazioni, difficili da ripetere, ma si prova sempre a fare meglio”.

BENVENUTO NICOLA – “Tra le mie esperienze – racconta Amorico – c’è stata anche quella di Sant’Antioco insieme a Maikel Cardona e sapevo come la Canottieri Ongina allestisse sempre formazioni che puntavano in alto in categoria. Mi ha convinto il progetto e in primis mi ha colpito il modo di fare del presidente Colombi: non avevo mai conosciuto un presidente che prima dell’accordo si preoccupasse a fondo di ogni minimo dettaglio, anche logistico”.

“La scorsa annata in A2 a Reggio è stata condizionata in parte da metà stagione ai box per infortunio (operazione alla schiena), ma a marzo sono tornato  disponibile. Le mie caratteristiche? Premesso che mi piace le dicano gli altri, ma se dovessi dire qualcosa citerei che mi piace ricevere la palla dopo il 20; anche i fondamentali di seconda linea mi danno soddisfazione. Ho avuto la fortuna in passato di trascorrere due mesi a Perugia con un grande come Vujevic in campo e Kovac in panchina.  Mi sono avvicinato tardi alla pallavolo, circa a 22 anni, mentre prima giocavo a tennis”.

Nella foto di Annarita Zilli, Sandro Caci

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.