Ex mercato ortofrutta da demolire entro il 15 luglio, “lo prevede l’accordo dell’ex Consorzio Agrario” fotogallery

Più informazioni su

E’ una “zona franca” per la legalità di Piacenza e la situazione di degrado si trascina da ormai troppi anni.

Per chi vuole farsi un’idea qui ci sono un po’ di articoli scritti negli ultimi anni  sull’ex mercato ortofrutta dismesso e abbandonato completamente. Mercoledì sono scoppiati tre incendi di cumuli di rifiuti, con ogni probabilità dolosi, e all’alba di oggi, giovedì 13 giugno, intorno alle 5 un altro focolaio è stato spento dai vigili del fuoco. I pompieri sono interventi dopo la segnalazione dei vigilanti dell’Ivri.

Palazzine abbandonate e fatiscenti che diventano il ricettacolo di persone senza casa e allo sbando, uscite da qualsiasi progetto di assistenza o reinserimento sociale, che saranno abbattute entro il 15 luglio prossimo. Così infatti prevede l’accordo di riqualificazione dell’area ex Consorzio Agrario, stipulato dall’amministrazione comunale con il soggetto attuatore Consorzio Terrepadane. L’assessore comunale all’urbanistica Erika Opizzi afferma che “si sta lavorando per la piena attuazione”.

Nell’intesa siglata il 15 aprile scorso si dice infatti che “Il Soggetto attuatore si impegna altresì, entro 90 giorni dalla stipula del presente Accordo, nelle more di approvazione dell’Accordo di Programma, ad avviare la rimozione delle coperture in lastre con amianto delle coperture e la demolizione degli immobili dell’Ex Mercato Ortofrutticolo quale anticipazione delle opere di urbanizzazione previste dall’Accordo”.

“In alternativa, il Comune di Piacenza, in funzione delle prevalenti e urgenti ragioni di sicurezza pubblica connesse alla liberazione dell’area dell’ex Mercato ortofrutticolo, può provvedere direttamente alla demolizione degli immobili dell’ex Mercato ortofrutticolo e alla bonifica dell’area da quei materiali, mentre il Soggetto attuatore (che in quelle aree deve realizzare opere di urbanizzazione), si impegna a rimborsare al Comune, entro 90 giorni dalla stipula dell’Accordo di Programma, l’importo corrispondente a quella spesa”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.