PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Federmoda ai commercianti: “Rispettare le regole sulle vendite promozionali”

“Rispettare le regole sulle vendite promozionali”. Il monito arriva dal Presidente di Federmoda Piacenza Gianluca Brugnoli.

“In base a quanto stabilito dalla DGR n. 1804/2016 – ricorda Brugnoli – in Emilia Romagna i saldi estivi avranno inizio dal primo sabato del mese di luglio, ossia dal prossimo 6 luglio, e avranno una durata di sessanta giorni”.

“Si ricorda poi che in base a quanto stabilito dall’art. 22 del L.R. 25/2017 (“Disposizione collegate alla legge Regionale di stabilità per il 2018”) nei trenta giorni antecedenti le vendite di fine stagione (e quindi dal 6 giugno) non possono effettuate le vendite promozionali dei seguenti prodotti: abbigliamento, calzature, biancheria intima, accessori di abbigliamento, pelletteria e tessuti per abbigliamento ed arredamento. In caso di violazione di tali disposizioni si applicano le sanzioni previste dall’art. 22, comma 3, del decreto legislativo n. 114 del 1998″.

“Pertanto – conclude il Presidente Brugnoli – invito i colleghi a rispettare le regole, per il bene dell’intera categoria, soprattutto in un momento come quello attuale, in cui il nostro settore è stato pesantemente colpito dalle condizioni meteo degli scorsi mesi. Ricevo quotidianamente chiamate di colleghi, non solo della città ma anche della provincia, che vedono vicini di negozi fare vendite promozionali in maniera selvaggia, senza rispettare quanto previsto dalla Legge”.

“Cercherò, per quanto di mia competenza di fermare questi fenomeni, ma chiedo a tutti collaborazione, in primis ai colleghi ma anche alle Pubbliche Amministrazioni, attivando controlli e facendo rispettare la Legge”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.