Genio Pontieri, musica e beneficenza per celebrare la “Battaglia del Solstizio” foto

Una serata per ricordare la “Battaglia del Solstizio”, tra musica e beneficenza. La battaglia, denominata così dal poeta Gabriele D’Annunzio, fu combattuta dal 15 al 24 giugno del 1918 e fu decisiva per le sorti dell’allora Regno d’Italia.

L’evento è andato in scena nella serata del 15 giugno alla Caserma “Nicolai”, sede del 2° Reggimento Genio Pontieri. La ricorrenza della battaglia viene ricordata ogni anno in questa data e viene celebrata come la festa dell’Artiglieria; il 24 giugno, giorno della fine della battaglia, viene celebrata invece la festa del Genio. La serata si è svolta nel suggestivo scenario del cortile “Rebora”, sovrastato dal campanile della chiesa di San Sisto, alla presenza del Comandante del Genio, il Generale di Brigata Francesco Bindi, e delle massime autorità civili di Piacenza, il Prefetto Maurizio Falco e il sindaco Patrizia Barbieri.

A fare gli onori di casa il colonnello Salvatore Tambè, Comandante del 2° Reggimento Genio Pontieri, che ha consegnato al prefetto e al sindaco una piccola statua raffigurante il Pontiere, simbolo del Reggimento, come “segno di gratitudine per la vicinanza dimostrata da istituzioni e cittadinanza nei confronti dei Pontieri che da oltre 135 anni sono di stanza a Piacenza”. La serata musicale, presentata da Marilena Massarini, è stata denominata “Solstizio di Fiamme”.

Serata musicale per ricordare la battaglia del solstizio

Protagonisti assoluti i membri del Coro Ponchielli -Vertova di Cremona, con al pianoforte Patrizia Bernelich: dall’Inno Nazionale a canzoni come “Addio mia bella addio” e “O surdato nnammurato”, passando per “La canzone del Grappa” fino a “La leggenda del Piave” la serata si è animata tra canti della Grande Guerra alternati a “tanghi di passione”.

Tutti i brani sono stati accompagnati dalla fisarmonica del musicista Luciano Cortellini, mentre le canzoni del coro sono state intervallate dagli interventi della soprano Elisa Maffi, del tenore Cristiano Binotto, e dalla voce narrante di Aldo Verrone. I tanghi sono invece stati eseguiti con l’oboe dal musicista Gaetano Galli.

Serata musicale per ricordare la battaglia del solstizio

Gli ospiti hanno inoltre potuto ammirare all’interno del cortile il “ponte salvatico” di Leonardo Da Vinci, prestato dal Museo Leonardiano di Vinci. Si tratta di un ponte militare “di fortuna”, costituito da una struttura autoportante composta da semplici travi di sezione circolare che vengono assemblate senza l’impiego di legature o di chiodi.

La serata si è poi conclusa con la consegna – tramite assegno – del ricavato del “Torneo Interforze” di calcio, con finale andata in scena il 10 giugno scorso al Garilli, alla cooperativa “Assofa”, realtà che assiste e ospita disabili del territorio piacentino fornendo gli strumenti e le occasioni per renderli protagonisti della loro vita ed integrarsi al meglio con gli altri.

Serata musicale per ricordare la battaglia del solstizio

“Questo progetto finalizzato al raggiungimento di un obiettivo comune a favore dell’Assofa – come ha ricordato il Colonnello Tambè a fine serata – è stato reso possibile grazie alla sinergia tra istituzioni pubbliche e private. In particolare il torneo di calcio e la serata musicale sono stati resi possibili grazie al contributo di Agost Ducato di Piacenza, Maini Vending, Avis Piacenza, Asia Equipaggiamenti di Anzio, System Car, Risto Service, Cantina Val Tidone, Metronotte Piacenza e Pizza+1”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.