Quantcast

Legambiente presenta gli spot “green” realizzati con i giovani

Più informazioni su

Coinvolgere i più giovani nella comunicazione dei temi ambientali.

Con questo intento è nato il progetto “Greenspot-Pubblicità Amica dell’Ambiente” che ha visto protagoniste le scuole di Piacenza e provincia: mercoledì 5 giugno (ore 18.30) nella Sala della Fondazione di Piacenza e Vigevano di via Sant’Eufemia a Piacenza il momento conclusivo con la proiezione dei lavori realizzati dagli studenti.

“Sarà un’occasione di festa, ma anche di riflessione per grandi e piccoli – spiega Laura Chiappa, presidente del Circolo Legambiente di Piacenza intitolato a Emilio Politi -. Dopo alcuni incontri, tenuti dai nostri esperti, che mettevano in luce le maggiori questioni ambientali e le loro relazioni con i nostri comportamenti quotidiani, bambini e ragazzi sono stati invitati a sperimentarsi con il difficile compito di comunicare anche all’esterno le scoperte fatte e le buone idee per cambiare in meglio. E hanno fatto un lavoro davvero eccellente”.

L’idea innovativa, supportata dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano, si è avvalsa dell’esperienza dell’Associazione di Promozione Sociale “energetica” ma soprattutto ha trovato l’entusiastica adesione di alcuni insegnanti che da anni si impegnano per generare nei loro alunni un autentico spirito di cittadinanza attiva.

Mary Rapaccioli e Michela Bianchi della scuola primaria “San Lazzaro – Alberoni”, si dicono molto contente di aver partecipato al progetto. “I bambini sono sempre pronti a lanciarsi in nuove imprese, soprattutto quelle in cui si sentono soggetti attivi. Nella nostra scuola sono numerose le iniziative che stimolano il protagonismo, l’inclusione, la responsabilizzazione e la cooperazione fra i bambini. Crediamo molto in una costante educazione alle buone pratiche che puntino sempre al rispetto delle persone, delle cose e del nostro ambiente coltivando piccoli gesti di cura fin da bambini.”

Anche nella scuola media “Gandhi” di San Nicolò, le insegnanti partecipanti al progetto si impegnano molto per coinvolgere i loro giovani studenti in attività che abbiano un risvolto concreto nella realtà che ci circonda. “Accogliamo con molto piacere gli stimoli che provengono dal territorio – racconta la Professoressa Martina Camia. “I ragazzi sono pronti a mettere la loro intelligenza e vivacità in proposte come questa, che ne stimolano la creatività – afferma Alessia Bellocchi, docente referente per il progetto.

I più “grandi” che hanno aderito al progetto sono stati i ragazzi dell’Istituto Respighi del gruppo “DiverCity”. Abbiamo chiesto a Daniele Timpano di spiegarci qual è la storia che il gruppo ha alle spalle. “DiverCity è una piattaforma sulla quale cittadini che riscontrano un problema nella loro città o desiderano implementare un certo aspetto del loro tessuto urbano possono proporre progetti concreti e realizzabili” dice Daniele, che fa parte del Parlamento Europeo dei Giovani”.

“Ricevuto il feedback dagli altri utenti della piattaforma, sarà possibile realizzare il progetto attraverso il lavoro di squadra degli stessi frequentatori del sito. Il Progetto “Greenspot” di Legambiente ci ha subito entusiasmati per il suo intento di empowerment dei cittadini, anche dei più giovani.”

Durante l’evento, a cui tutta la cittadinanza è invitata, si servirà anche un aperitivo anti-spreco. “Abbiamo organizzato tutto in modo da non generare né rifiuti né sprechi – fa sapere Marco Natali di Legambiente -. Grazie alla collaborazione con Eataly Piacenza potremo avere a disposizione in dono cibo di ottima qualità che però, essendo vicino a scadenza, potrebbe finire sprecato; per quanto riguarda invece piatti e stoviglie utilizzeremo la dotazione di Legambiente per le ECO-Feste, in modo da mettere al bando l’usa-e-getta”.

I “Greenspot” presentati il giorno 5 giugno, verranno poi diffusi sui siti degli enti coinvolti e troveranno spazio sui social network. Un’occasione per dare voce a idee positive, comunicate in modo divertente e fresco dai piccoli pubblicitari che, lo ricordano numerosi spot, parlano a nome del mondo, per il bene di tutti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.