“Più investimenti sul lavoro, manca una politica industriale” In piazza i metalmeccanici

Più informazioni su

Sciopero dei metalmeccanici e manifestazione dei lavoratori piacentini a Firenze, raggiunta anche da un pullman targato Fim Cisl Parma Piacenza, per denunciare “lo stato di crisi in cui versa l’industria italiana”.

Nel mirino c’è “la sicurezza sul lavoro, l’assenza di politica industriale degna di questo nome e la scarsa incisività nella gestione delle tante vertenze che toccano il settore”.

“Anche gli ultimi dati dell’Istat – affermano i sindacati – confermano la necessità di un’inversione di rotta. Ad aprile la produzione industriale è calata dello 0,7% rispetto a marzo e dell’1,5% rispetto ad un anno fa. E’ il secondo mese di fila che si chiude con il segno meno, a riprova che l’accelerazione di inizio anno può essere considerata ormai un ricordo. In questo quadro spicca il crollo della produzione nel settore auto (17,1%)”.

Metalmeccanici sciopero Fim Cisl

A preoccupare i sindacati è anche “il rallentamento degli investimenti e il ristagno dei livelli retributivi. I tavoli di crisi aperti al Mise, intanto, aumentano di giorno in giorno: sono 160 adesso, a gennaio erano 138”. E ”il numero dei lavoratori che rischiano di perdere il lavoro, a seconda della piega che prenderanno le vertenze, va dagli 80mila ai 280mila”. Nel frattempo stanno invece aumentando ”gli incidenti e le morti sul lavoro” . La “mancanza di sicurezza” resta uno dei problemi più assillanti per il sindacati dei metalmeccanici, accanto a quello ambientale.

“La crisi – concludono – è tutt’altro che finita. Basta scorrere i dati sulla cassa integrazione: ad aprile c’è stato un aumento del 78% rispetto ad un anno fa e del 79% sul mese di marzo. Di questo passo il 2019 rischia di contare un milione di ore di cassa integrazione che coinciderebbero con un crollo della produzione industriale, con un impoverimento produttivo, con il continuo aumento del debito pubblico e con la riesplosione dello spread”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.