Sboccia l’incanto dell’Infiorata a Chiaravalle. Il 30 concerto con un prezioso Stradivari fotogallery

Sboccia, come ogni anno, l’incanto dell’Infiorata a Chiaravalle della Colomba di Alseno a Piacenza.

Una tradizione quasi millenaria, fatta propria dell’Ordine dei monaci cistercensi, che attira ogni anno visitatori da tutta la provincia e non solo. Nelle foto scattate da Stefano Vantadori è possibile ammirare la maestria nelle composizioni floreali, dedicate quest’anno ai fondatori degli ordini.

Passeggiare nel silenzioso chiostro di Chiaravalle, poi lungo la navata dell’abbazia, osservando l’infiorata, un’ arte certosina che compone in petali numerose geometrie, cornice delicata assieme ai dipinti a soggetto sacro, è indubbiamente un’esperienza suggestiva.

L’abbazia ospiterà, domenica 30 giugno, alle ore 21,15, un importante evento. Si terrà infatti l’imperdibile l’esibizione in concerto del virtuoso Lorenzo Meraviglia in Gloria RV 589 per soli coro e orchestra. Il musicista ha iniziato a studiare il violino a 5 anni, ha frequentato il conservatorio “G. Verdi” di Milano e si è diplomato a 18 anni sotto la guida di Lydia Cevidalli. Da marzo 2015 è componente e primo violino dell’Accademia Concertante d’Archi di Milano, orchestra in seno alla quale ha fondato lo “StraDuo”.

Durante la sua carriera ha suonato il violino realizzato da Gio’ Giorgio Tanningard nel 1743 a lui affidato da una collezione privata americana e altri preziosi violini della bottega di Antonio Stradivari affidati a lui da prestigiose collezioni internazionali.

Parteciperanno al concerto di Chiaravalle anche le corali “Vallongina”, diretta da Don Roberto Scotti, il “Coro da camera accademia concertante d’Archi” di Milano e la “Schola Cantorum Ars Nova” di Cerro Maggiore (Milano), diretta da Mauro Ivano Benaglia. Un concerto da non perdere non solo per l’opportunità di assistere a un’esibizione musicale di alto livello, ma anche per l’imperdibile occasione di sentire il suono del prezioso violino Omobono Stradivari del 1730.

L’infiorata rimarrà aperta fino al 7 di luglio. Gli orari di visita per i turisti vanno dalle 8,30 alle 12 e dalle 14,30 alle 20.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.