Alex Cremona dall’ospedale: “Il peggio è passato, grazie per l’affetto”

Dopo il grande spavento Alex Cremona, dall’ospedale di Parma, parla delle sue condizioni di salute e formula le prime ipotesi sulla causa del grave incidente avvenuto sabato 13 luglio a San Nazzaro nella prova unica del Campionato Europeo di Motonautica F/250.

“Sono un po’ dolorante e con diverse ammaccature, ma l’importante è raccontarlo – spiega il campione piacentino – Ora ci vuole pazienza per recuperare al meglio viste le numerose fratture riportate, ma il peggio è passato. L’incidente vero e proprio non lo ricordo, ho invece in mente gli istanti prima dello schianto. Eravamo appena partiti e alla prima virata avevo a fianco mio fratello, poi a un certo punto ho sentito una botta nell’imbarcazione e ho pensato subito a un problema alla deriva, quel perno che permette ai piloti di virare”.

“A quel punto il mezzo ha cominciato a essere ingestibile e vedevo la riva avvicinarsi sempre più, quindi d’istinto sono riuscito a dare un’altra sterzata. E’ stato il gesto che probabilmente mi ha salvato la vita perché sono passato in mezzo a due piante importanti. L’istinto e la fortuna mi hanno assistito, poi qualcuno dall’alto mi ha sicuramente protetto”.

“Sono commosso per il tanto affetto ricevuto in queste ore difficili – conclude Alex Cremona – questa volta non ho vinto niente, ma ho vinto un altro tipo di gara. Grazie a tutti di cuore!“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.