Alla Fondazione Teatri 593mila euro dal Ministero: “Aumenta del 3 % lo stanziamento”

Fondazione Teatri di Piacenza, aumenta il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – La nota stampa

Il Presidente e i componenti del Consiglio direttivo della Fondazione Teatri di Piacenza hanno appreso con soddisfazione che il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha premiato per l’anno 2019 l’attività di lirica, concertistica e danza del Teatro Municipale, attraverso l’erogazione del contributo pari a 593mila euro e 88.

Con Decreto Ministeriale dell’11 luglio 2019 il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha infatti pubblicato il Decreto di attribuzione delle risorse assegnate ai Teatri di Tradizione, riconoscendo alla Fondazione Teatri di Piacenza per l’anno 2019 un aumento del 3% rispetto allo stanziamento iniziale dello scorso anno.

Una soddisfazione ancor più giustificata se si considera che annualmente il Teatro Municipale di Piacenza si trova a concorrere con realtà ben più strutturate della propria e con maestranze stabili. Nonostante ciò la serietà e la dedizione con cui il personale della Fondazione Teatri costantemente opera ha permesso a Piacenza di rimanere nell’alveo dei migliori Teatri di Tradizione, in grado sia di intercettare artisti di fama internazionale che di scoprire e promuovere giovani talenti.

Professionalità, serietà e qualità artistica delle produzioni hanno permesso a Piacenza di essere riconosciuta della critica più autorevole, e di costituire oggi più che mai volano fondamentale della promozione turistica di un territorio ricco e desideroso di far conoscere e apprezzare sempre più le proprie risorse, anche in occasione di Parma 2020, dove Piacenza sarà protagonista di un programma turistico-culturale condiviso.

Il Teatro Municipale di Piacenza per la sua capacità è chiamato a coprodurre e collaborare a livello nazionale non solo con altri Teatri di Tradizione ma anche con Fondazioni Lirico-sinfoniche. È di questi giorni la notizia che il Teatro Carlo Felice di Genova ha inserito per la seconda volta nella propria Stagione d’Opera un allestimento prodotto dal Municipale di Piacenza: dopo Luisa Miller, è ora la volta di Un ballo in maschera, anch’esso prodotto nell’ambito del Progetto Opera Laboratorio 2016 con la regia di Leo Nucci. Prosegue inoltre l’accordo stipulato con il Teatro dell’Opera di Marsiglia, che dopo Simon Boccanegra riprenderà l’allestimento de La Bohème, che inaugurerà a dicembre la Stagione operistica del Municipale.

Il Sindaco Patrizia Barbieri, particolarmente orgogliosa dei risultati raggiunti, ha dichiarato: “Ringrazio il Direttore Artistico e tutto il personale per la qualità dell’offerta culturale del nostro Teatro, sempre più convinta dell’importanza di mantenere un fronte comune di sostegno locale all’importantissima attività della Fondazione Teatri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.