“Ciao Luciano, sei stato un amico speciale” Il ricordo di Gian Francesco Tiramani

Dopo la scomparsa di Andrea Camilleri. nuovo lutto nel mondo della cultura italiana. Oggi è scomparso Luciano De Crescenzo, l’ingegnere – filosofo, autore del best seller “Storia della Filosofia Greca” e divenuto un volto noto tra la fine degli anni Settanta e gli anno Ottanta.

De Crescenzo è stato più volte a Piacenza, protagonista di eventi dedicati al volontariato con la Croce Bianca e alla cultura e alla buona cucina al Castello di Rivalta grazie a Gian Francesco Tiramani, che lo ricorda con molto affetto. Di seguito le sue parole:

Ciao Luciano,
sei stato un amico speciale, quasi un secondo “Cesare” (forse perché eri suo coetaneo). Ci hai donato la tua saggezza, la tua intelligente ironia, la tua capacità di coinvolgere, la tua sottile complicità. Porto con me il ricordo dell’ultima volta in cui abbiamo passato insieme diverse ore, tra Croara Vecchia e nello splendore del castello di Rivalta, con l’amico Giorgio A. Lambri che ti provocava con domande non consuete.

Ricordo soprattutto quando, a tavola, davanti alla domanda se il paradiso esiste, tu hai risposto: “Se c’è mia mamma, allora il paradiso esiste davvero; se non c’è…il paradiso non esiste”. Ed ora mi ritrovo qui a tentare goffamente di mascherare il piccolo rigagnolo caldo che mi solca le guance, stupito dal mio stesso dolore ma grato per avere avuto il dono della tua amicizia.

Occupati di noi, ora che sei più libero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.