Condotto in carcere Adriano Casella, aveva ucciso il padre nel 2013

I carabinieri del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo hanno condotto in carcere Adriano Casella, condannato per omicidio pluriaggravato e occultamento di cadavere.

L’uomo stato condannato per aver, nel luglio del 2013, prima sedato con una dose non mortale di sonnifero e poi ucciso il padre con un colpo di pistola normalmente utilizzata per sopprimere il bestiame, e occultato momentaneamente il cadavere.

Casella si trovava agli arresti domiciliari in Varazze presso un centro terapeutico riabilitativo.

Gli uomini del Nucleo Investigativo, dovendo dare esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dalla Corte d’Appello di Bologna, lo hanno condotto in carcere a Genova.

Dovrà scontare 19 anni 1 mese e 17 giorni. Sarà scarcerato nel luglio del 2036.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.