Lunedì torna il consiglio comunale e discute di mozioni di un anno fa

Lunedì 15 luglio torna a riunirsi il consiglio comunale di Piacenza, dopo la “pausa” di due settimane seguita all’elezione del nuovo presidente Davide Garilli.

Il neo presidente ha infatti presieduto giovedì pomeriggio la conferenza dei capigruppo e poi firmato la sua prima convocazione dell’assemblea di Palazzo Mercanti, dopo il rientro dalle ferie negli Usa.

La seconda metà di luglio, prima dello stop fisiologico di agosto, si annuncia quanto mai intensa dal punto di vista dei provvedimenti all’esame dei consiglieri: due sono infatti le decisioni cruciali da prendere, il pronunciamento sull’area dove realizzare il nuovo ospedale e l’approvazione dell’assestamento di bilancio collegato al Documento unico di programmazione (Dup). Ma nulla di tutto questo sarà al centro della seduta di lunedì: l’ordine del giorno reca infatti una serie di mozioni, risoluzioni e interrogazioni “urgenti”, alcune delle quali risalgono addirittura a più di un anno fa (vedi sotto l’ordine del giorno).

odg consiglio comunale

Fra gli argomenti in discussione una mozione del 2 maggio del 2018 sul transito dei bus in via Borghetto e via San Bartolomeo, e un’altra del 30 luglio 2018 sul convegno organizzato dall’allora assessore Massimo Polledri sulla cannabis “erba della morte”. C’è anche una risoluzione datata ottobre 2018 che chiede la riunione della conferenza dei servizi in relazione alla costruzione della traversa Mirafiori per alimentare le rete irrigua.

La conferenza dei capigruppo ha calendarizzato anche le successive sedute dove si affronteranno i temi più importanti: Palazzo Mercanti sarà convocato di nuovo il 22 luglio, il 26 e il 29. La seduta del 26 luglio sarà dedicata al nuovo ospedale e quella del 29 all’assestamento di bilancio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.