Le Rubriche di PiacenzaSera.it - UniCatt

A Piacenza un milione per le borse di studio. Da Cattolica ed Educatt supporto a 72 studenti

Dall’Università Cattolica e l’ente per il diritto allo studio EDUCatt un investimento straordinario di 2,4 milioni di euro per sopperire alla mancanza di fondi regionali per garantire le borse di studio agli studenti idonei.

Come spiega l’Ateneo in una nota, “il 9 luglio 2019 la Regione Lombardia ha definito le risorse finanziarie da assegnare ai soggetti gestori dei servizi per il Diritto allo Studio Universitario che erogano le borse di studio relative al 2018/19. La percentuale di copertura è pari a circa il 77,5%. L’ulteriore fabbisogno economico necessario per garantire l’erogazione delle borse di studio al restante 22,5% degli studenti idonei ammonta quindi a circa 2, 4 milioni di euro”.

“Le risorse messe a disposizione dalla Regione – evidenziano poi dall’Università – per gli studenti idonei della Cattolica sono, infatti, circa 8, 2 milioni di euro ma ne sono necessari più di 10, 6 per coprire i 2mila 942  aventi diritto. Se dunque attualmente i 2mila e 190 studenti risultano coperti dai fondi regionali, i restanti 752 ne resterebbero esclusi (si troverebbero cioè nella condizione di idonei non beneficiari, ossia studenti che pur avendone diritto non avrebbero potuto fruire della borsa di studio per mancanza di fondi pubblici). L’Università Cattolica e Educatt hanno pertanto deliberato l’intervento straordinario con fondi propri per garantire anche a loro gli stessi diritti”.

“Dal 2011 a oggi – commentano dall’Università Cattolica -, in considerazione del perdurare delle difficoltà dei propri studenti e con l’intenzione di lasciare aperta la possibilità di studio agli studenti capaci, meritevoli e bisognosi, l’Ateneo ha investito quasi 8,5 milioni di euro per coprire ogni anno tutti gli studenti idonei non beneficiari. Tutti coloro che sono risultati idonei al percepimento della borsa di studio sulla base delle direttive della Regione Lombardia sono anche esonerati dal pagamento delle tasse universitarie e hanno diritto a un pasto gratuito al giorno”.

“Per gli studenti bisognosi esclusi dalla graduatoria, inoltre, EDUCatt offre l’opportunità di un lavoro a tempo determinato, ad esempio nelle strutture di ristorazione, nel settore librario e nelle portinerie dei collegi. Il progetto Student Work impiega più di 50 persone all’anno”.

Borse di studio cattolica

Dei 752 idonei non beneficiari (sui 2.942 totali) coperti dalla manovra straordinaria di Università Cattolica e Educatt, 106 sono in sede (14%), 363 pendolari (48%) e 283 (38%) fuori sede. 72 sono studenti della sede di Piacenza-Cremona.

Gli importi in denaro delle Borse di studio variano da un minimo di 1.200 euro e un massimo di 4.500 euro, e si stabiliscono in base a due criteri:
• studenti in sede, fuori sede o pendolari
• tre diverse fasce di reddito

“La scelta di non aumentare i contributi studenteschi per il terzo anno consecutivo, nonostante l’inflazione e la riduzione negli ultimi anni dei contributi pubblici (MIUR) e di quelli al diritto allo studio erogati dalla Regione Lombardia, va nella direzione di garantire a tutti la possibilità di scegliere un percorso universitario in Cattolica. Infatti l’Ateneo nell’anno accademico 2018/19 ha registrato un aumento complessivo degli iscritti del 3,4 % in tutte le sedi e del 3,2 % solo nella sede di Milano. A tutte queste agevolazioni si sommano quelle per i premi di laurea, la mobilità internazionale e le maggiorazioni per gli studenti con disabilità”.

BORSE E PREMI DI STUDIO (START, RUN E SMART) anno accademico 2018/19 – Alle Borse di studio assegnate con il criterio del reddito/merito, Università Cattolica, Istituto Toniolo e Fondazione EDUCatt sostengono con fondi propri anche un Concorso Nazionale per l’assegnazione di 100 Borse di studio rinnovabili, destinate a neodiplomati (categoria START) e neolaureati di I livello (categoria RUN) e 100 Premi di studio (categoria SMART) a studenti iscritti in UCSC che si distinguono per merito accademico. Il totale delle borse e premi Start, Run e Smart per l’anno accademico 2018/19, compresi i rinnovi delle borse Start e Run degli anni accademici 2016/17 e 2017/18, ammonta a 636.000 euro.

Il concorso nazionale per l’assegnazione di 100 borse di studio per merito si è svolto sabato 26 maggio 2018 contemporaneamente in dieci città italiane (Alghero, Bari, Bologna, Brescia, Catania, Lamezia Terme, Milano, Piacenza, Pordenone e Roma) e ha raccolto oltre 2.100 candidature (iniziativa replicata nel 2019 per l’anno accademico 19/20, e che lo scorso 1 giugno ha superato le 2.900 candidature). A tutti i beneficiari di Borse Start o Run è offerta l’Opzione Campus, ossia la possibilità di ricevere una somma supplementare di 1.000 euro all’anno per coloro che aderiscono alla proposta formativa dei Collegi “in campus”.

Inoltre 100 studenti già iscritti in Cattolica a un anno successivo al primo di una laurea triennale o magistrale, selezionati in base alla media, hanno ricevuto il Premio Smart e la somma corrisposta è pari a 1.000 euro, al lordo delle eventuali ritenute fiscali. Per effetto di questa manovra e dell’azione coordinata degli enti coinvolti, è prevista l’erogazione complessiva annuale di 368 agevolazioni: viene quindi ancor più accresciuto l’impegno dell’Ateneo a sostegno di studenti meritevoli.

Per ulteriori informazioni, il sito dedicato all’iniziativa è www.borsepermeritouc.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.