Promozione all’estero dei vini emiliani, la Regione investe 6,7 milioni. Il bando

L’Emilia-Romagna investe oltre 6,7 milioni di euro per far conoscere i buoni vini della regione nei Paesi extra europei. La Giunta regionale ha approvato un bando per il sostegno alle azioni di promozione all’estero dei vini Doc, Docg e Igt e da agricoltura biologica da parte delle imprese agricole da Piacenza a Rimini.

“I nostri vini sono protagonisti di un’importante crescita qualitativa e sono sempre più apprezzati sui mercati esteri – spiega l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli -. Lo dimostrano i dati dell’export che, dopo la vendemmia 2018, hanno registrato un controvalore di quasi 6,5 miliardi di euro (+3,6%), pari al 10,2% del totale delle vendite all’estero delle imprese emiliano-romagnole”.

“A seguito del decreto del Ministero delle Politiche agricole, abbiamo subito avviato il lavoro di recepimento nonché di consultazione necessario a cogliere le esigenze dei produttori della nostra regione – prosegue l’assessore – includendo quei parametri maggiormente in grado di interpretare la varietà produttiva delle aziende vitivinicole dell’Emilia-Romagna. Mettiamo ancora una volta a disposizione delle imprese regionali le risorse previste nell’ambito dell’Ocm Vino (Organizzazione Comune di Mercato Ue) che risultano fondamentali per accelerare il processo di qualificazione e internazionalizzazione”.

“Le aziende potranno così continuare le azioni promozionali che accompagnano il positivo andamento dell’export del vino italiano nei Paesi extra Ue- chiude Caselli- con particolare attenzione ai mercati emergenti del sud asiatico, come Cina e Giappone, e senza dimenticare le relazioni avviate con il Canada, gli Stati Uniti e la Russia, che restano i principali mercati di sbocco per il made in Italy”.

Cosa prevede il bando – Il bando 2019/2020, approvato dalla Giunta regionale, è rivolto ad aziende agricole in forma singola e associata, consorzi e gruppi di imprese, per progetti annuali che prevedono un investimento complessivo minimo di 100 mila euro. Le risorse sono concentrate su iniziative che promuovono i vini prodotti in Emilia-Romagna: non verranno finanziati i progetti multiregionali.

Il bando è pubblicato sul Bollettino ufficiale regionale del 10 luglio, le domande devono essere presentate entro le ore 15 del prossimo 20 agosto al Servizio “Innovazione, Qualità, Promozione e Internazionalizzazione del Sistema Agroalimentare” della direzione generale “Agricoltura, caccia e pesca” della Regione Emilia-Romagna.

I progetti devono essere consegnati a mano o per posta, tramite corriere espresso o raccomandata, all’indirizzo “Regione Emilia-Romagna- Direzione Generale Agricoltura, caccia e pesca- Servizio Innovazione, qualità, promozione e internazionalizzazione del sistema agroalimentare- viale della Fiera 8- 40127 Bologna”. Può essere utilizzata anche la posta elettronica certificata, nel rispetto di quanto previsto dal d.lgs. n. 82/2005 (Codice dell’amministrazione digitale), inviando i documenti ad agrissa@postacert.regione.emilia-romagna.it .

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.