Sicurezza stradale, il Comune di Piacenza aderisce alla campagna “Vacanze coi fiocchi”

Più informazioni su

Anche il Comune di Piacenza aderisce alla campagna nazionale per la sicurezza stradale “Vacanze coi fiocchi”, ideata e coordinata sin dal 1999 dal Centro Antartide di Bologna in collaborazione con l’Associazione italiana società concessionarie autostrade e trafori (Aiscat), il cui obiettivo è quello di sensibilizzare i cittadini sui pericoli della strada che si amplificano nel periodo estivo.

Tra le varie iniziative, la diffusione su tutto il territorio nazionale di opuscoli informativi e manifesti con l’ormai tradizionale immagine di Snoopy al volante, spot radiofonici, una campagna social (#vacanzecoifiocchi) e la presenza ai caselli delle autostrade e nelle aree di servizio per consigliare gli automobilisti in viaggio. In particolare, quest’anno le attività ruotano attorno al tema della cura – per sé stessi, per gli altri viaggiatori e per il proprio veicolo – come modalità per promuovere la sicurezza.

A raccontarlo ancora una volta saranno centinaia di aderenti in tutta Italia, tra amministrazioni locali, autostrade, associazioni e media, con l’abituale collaborazione di testimonial d’eccezione come Piero Angela, il “turista per caso” Patrizio Roversi, la conduttrice televisiva e ambientalista Tessa Gelisio e il campione di nuoto Marco Orsi.

“Per viaggiare in sicurezza – sottolinea l’assessore alla Sicurezza urbana, Luca Zandonella – occorre davvero prendersi cura di sé stessi e di coloro che dividono la strada con noi. In particolare, è importante stare attenti a mettersi alla guida nelle migliori condizioni, rispettare le regole e il codice della strada e fare sempre un controllo generale e preventivo del mezzo con cui ci si  sposta, specie se per lunghi viaggi”.

“Altri accorgimenti utili, anche per evitare eventuali sorprese al rientro dalle vacanze, sono quelli di non pubblicizzare sui social quando si parte e quanto si sta via (per non dare informazioni ai malintenzionati che purtroppo sono attivi anche sul web) e di informare i vicini di casa di cui ci si fida o i parenti dell’assenza, affinché diano un occhio in più alla propria abitazione e ritirino le lettere e la pubblicità dalla cassetta della posta onde evitarne l’accumulo (chiaro sintomo di assenza da casa)”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.