“Togliere i detriti dai piloni del ponte che porta all’isola Serafini”

“Pulire il Nure e il Tidone nel periodo di secca e le zone in prossimità dei piloni del ponte che porta all’isola Serafini”.

A chiederlo sono i consiglieri regionali di Fratelli d’Italia Fabio Callori, Giancarlo Tagliaferri e Michele Facci, che in un’interrogazione mettono in evidenza come “le recenti violente perturbazioni, con forti venti e trombe d’aria, abbiano accumulato detriti di vario genere fra i pilastri del ponte, già in parte deteriorati, costituendo così un pericolo sia nei periodi di piena sia per la navigazione fluviale”.

Per questo gli esponenti di Fdi chiedono alla Giunta se “non giudichi necessario attivarsi, tramite l’Autorità di bacino distrettuale del fiume Po e l’Aipo (Agenzia interregionale del fiume Po) per chiedere la pulizia degli affluenti Nure e Tidone nel periodo di secca e in prossimità dei piloni del ponte di collegamento con la sponda emiliana”

L’Isola Serafini è un’isola fluviale, la maggiore del fiume Po, nel territorio del comune di Monticelli d’Ongina in provincia di Piacenza ed è collegata alla terraferma da un ponte sulla sponda emiliana che la mette in comunicazione con Monticelli, distante 3,5 chilometri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.