Dopo la lite spuntano documenti irregolari, 36enne in manette

Dopo la lite spuntano documenti irregolari, 36enne in manette. La donna, di origine albanese, è stata arrestata dalla polizia, chiamata dai vicini della donna perché allarmati dalla lite che era in corso nel suo appartamento in centro a Piacenza nei giorni scorsi.

La 36enne condivideva la casa con una coppia di ecuadoregni, e proprio con l’uomo, di 37 anni, era scoppiato un violento diverbio. Gli agenti intervenuti per sedare la lite hanno però riscontrato irregolarità nei documenti della donna, sottoposta ad accertamenti dall’ufficio migranti della Questura. Il Tribunale di Trento, a quanto è emerso, l’aveva condannata a 3 anni per falsa attestazione a pubblico ufficiale e documentazione falsa. La sentenza era rimasta sospesa fino al 2017, dopo di che era diventata definitiva.

Per la 36enne sono scattate le manette, ora si trova al carcere delle Novate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.