In città arrivano 4 nuovi autovelox, i primi in via Emilia Pavese e a Mucinasso foto

Operai al lavoro nella mattinata del 21 agosto a S. Antonio, alle porte di Piacenza, lungo la via Emilia Pavese, per posizionare la “gabbia” arancione di un nuovo autovelox (nelle foto).

Si tratta di uno dei nuovi quattro dispositivi di dissuasione della velocità che saranno installati lungo altrettante direttrici cittadine prossimamente. Verranno collocati – come nel caso di via Emilia Pavese – lungo strade a traffico elevato sulla base delle disposizioni di legge.

Nel pomeriggio è prevista la posa del box a Mucinasso, mentre altri due saranno collocati a Roncaglia e a La Verza. Naturalmente dalla posa della gabbia in plastica arancione all’inserimento dell’autovelox trascorrerà un lasso di tempo e l’attivazione del dispositivo verrà comunicata.

IL SINDACO “SICUREZZA IN PRIMO PIANO” – “Abbiamo voluto dare una risposta concreta – spiega in una nota il sindaco Patrizia Barbieri – a un problema serio, che si trascina da anni mettendo a rischio l’incolumità di pedoni e ciclisti, nonché di tutti gli automobilisti che osservano le regole. L’installazione dei dispositivi per il controllo elettronico della velocità, che diventeranno operativi solo dopo la posa della relativa segnaletica, vuol essere un deterrente al mancato rispetto del Codice della Strada e uno strumento per tutelare in primis i residenti. Non a caso abbiamo scelto di posizionare gli autovelox nelle frazioni dove gli abitanti hanno denunciato le maggiori situazioni di pericolo”.

Al primo box sistemato stamani in via Emilia Pavese, nei pressi del civico 256, per i veicoli diretti verso la città, si aggiungerà questo pomeriggio quello di Mucinasso, all’altezza del civico 210 della strada provinciale, sempre per i mezzi che procedono verso Piacenza. Un terzo dispositivo sarà installato prossimamente a Roncaglia, sulla carreggiata in direzione di Caorso, nelle adiacenze della ex scuola, mentre si è in attesa del responso di Anas per il progetto sottoposto dagli uffici tecnici del Comune, che prevede la sistemazione di un quarto autovelox a La Verza, sulla Statale 45.

“La collocazione – precisa il sindaco Barbieri – è stata stabilita a seguito dei sopralluoghi effettuati dai tecnici dell’assessorato ai Lavori Pubblici con il Comando della Polizia Locale, tenendo conto anche delle richieste dei cittadini, cui avevamo promesso un intervento efficace per tutelare la sicurezza stradale laddove la velocità elevata rappresenta un pericolo pressoché costante”.

Una recente ricerca resa nota dalla Provincia ha evidenziato che a Piacenza città si concentra il numero più elevato di incidenti (complessivamente 562 con 7 morti e 722 feriti), occorsi in stragrande maggioranza all’interno dell’area urbana (465 con 5 morti e 580 feriti). Al di fuori dell’abitato la maggior frequenza di incidenti si rileva sulla SS 725 (Tangenziale sud), sulla ex statale 10 Padana inferiore (SP 10R), sulla SP1 (Tangenziale ovest) e sull’autostrada A1. Frequenze più basse si osservano invece per i tratti dell’A21, della via Emilia (SS9) e della Statale 45 che attraversano la città di Piacenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.