“Sulla mia pelle” di Alessio Cremonini trionfa al Bobbio Film Festival. Borghi miglior attore fotogallery

“Sulla mia pelle” trionfa al Bobbio Film Festival di Marco Bellocchio.

La pellicola di Alessio Cremonini, dedicata alla vicenda di Stefano Cucchi, si è aggiudicata il Gobbo d’Oro, riconoscimento principale della manifestazione, oltre al premio del pubblico. Miglior attore Alessandro Borghi, che ha ridato corpo e anima a Stefano Cucchi, mentre il premio “Beppe Ciavatta”, assegnato solitamente a un giovane regista emergente è andato proprio a Cremonini.

La premiazione del Bobbio FIlm Festival 2019

“L’aver visto un Maestro come Marco Bellocchio in prima fila, durante questo festival, per assistere alla proiezione del nostro film credo rimarrà – ha detto Cremonini – il ricordo più bello della mia vita professionale e anche di quella di Alessandro (Borghi, ndr). E’ un’immagine che mi dà ancora adesso la pelle d’oca, e mi darà coraggio per continuare”.

La premiazione del Bobbio FIlm Festival 2019

Tra gli altri premiati, nel corso della cerimonia condotta da Pier Giorgio Bellocchio, figurano anche Sara Serraiocco come miglior attrice (arrivata in ritardo a Bobbio per un disguido) per la sua interpretazione nel film “In viaggio con Adele”, riconoscimento consegnato dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano, rappresentata da Franco Egalini.

Il premio Libertà, consegnato dalla direttrice di Telelibertà Nicoletta Bracchi, è andato invece a Antonio Piovanelli per Dafne. La miglior regia invece è quella di Matteo Rovere, per “il primo Re”; premio assegnato dalla Camera di Commercio è stato ritirato da Lyda Patitucci, aiuto regista, e già corsista, come lei stessa ha ricordato, di Fare Cinema a Bobbio.

La premiazione del Bobbio FIlm Festival 2019

Infine, la borsa di studio Lyons Club di Bobbio è andata, quest’anno all’intera classe del corso di critica cinematografica, componente, insieme agli studenti del corso di regia, della giuria che ha assegnato tutti i riconoscimenti.

La serata si è conclusa con i ringraziamenti di rito della Fondazione Fare Cinema a chi ha reso possibile l’evento, dallo stesso Maestro Bellocchio, a Paola Pedrazzini, al ministero dei Beni Culturali, alla Regione e all’amministrazione di Bobbio, senza tralasciare la Fondazione di Piacenza e Vigevano e la Camera di Commercio, insieme agli sponsor tecnici Salumificio La Rocca, Antica Torino, Antica Forneria Bobbiese, Canon.

Durante la cerimonia è stato più volte ricordato Luigi Scaglioni, l’artista che ha realizzato le statuette premio, i famosi “gobbi”, plasmati su un bozzetto dello stesso Bellocchio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.