Anpas, a Pontenure 150 unità per una maxi esercitazione di soccorso in memoria di Alberto Casella

Più informazioni su

Nella prima mattinata di domenica 15 Settembre, ore 9 e 45, nel piazzale del parcheggio della piscina di Pontenure, è scattata una maxi esercitazione organizzata da Anpas Emilia Romagna ed Anpas Comitato Provincia di Piacenza, con la partecipazione del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Piacenza e dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile.

Come raccontano le persone coinvolte, “lo scenario, attentamente studiato dal Gruppo Truccatori e Simulatori di Anpas, ha previsto una collisione di più mezzi con oltre una decina di feriti. L’invio simulato – spiegano – è avvenuto grazie alla Sala Radio della Pubblica Assistenza Croce Bianca di Piacenza”.

ANPAS esercitazione Pontenure

L’impatto scenico è stato forte, ma l’arrivo dei mezzi è avvenuto in modo composto. I Carabinieri hanno preservato la sicurezza dell’intervento, specie con una simulatrice particolarmente agitata. E’ stato poi il momento dell’intervento dei militi del Seirs Croce Gialla, provenienti da Parma, i quali “grazie anche al supporto di operatori di Protezione Civile, hanno attivato e gonfiato in pochi minuti una tenda atta a simulare la struttura di un Pma (Posto Medico Avanzato), con il compito di ricevere i pazienti.

I Vigili del Fuoco – continuano dall’Anpas -, con l’abituale professionalità che li contraddistingue, hanno lavorato sui mezzi per permettere al personale delle ambulanze di ‘arrivare sui pazienti’ nel minor tempo possibile. A verificare l’operato del personale sulle ambulanze in tempo reale, è stata una rappresentanza del Nucleo Valutatori di ANPAS Emilia Romagna. Il tutto è stato descritto tramite un impianto audio, dalla voce di Paolo Rebecchi, Responsabile Regionale della Protezione Civile di ANPAS Emilia Romagna.

ANPAS esercitazione Pontenure

L’evento – precisa poi Anpas – nel suo totale ha visto coinvolti a vario titolo circa 150 unità. Terminata l’esercitazione, tutti i presenti si sono radunati per un momento istituzionale con le autorità ed i vari ospiti presenti.

I saluti iniziali sono stati fatti dal Presidente della P. A. Croce Bianca Piacenza Fabrizio Velieri, che oltre ad aver descritto le finalità di RescPiacenza, ha tenuto a ricordare da subito “il caro Alberto Casella, figura storica di Anpas e Croce Bianca, scomparso l’anno scorso, a cui si è voluto intitolare la giornata”. Di Casella sono stati ricordati i principali progetti a cui “ha lavorato nella sua lunga militanza nel mondo del volontariato, tra cui in primis il progetto della Centrale CUT adibita ai trasporti e ad oggi gestita dal personale di CRI ed Anpas”.

Con la conduzione di Paolo Rebecchi e Giuseppe Provini si sono alternati vari momenti: hanno preso la parola il sindaco di Pontenure Manola Gruppi, che ha ringraziato Anpas “per la scelta del proprio territorio per sviluppare questa esercitazione”, la dottoressa Enrica Rossi, direttore del 118 di Piacenza, Fabio Fornari, vice Presidente di Croce Bianca Piacenza, Enrica Turci in Rappresentanza dell’ Associazione di Protezione Civile “I Lupi”, Giorgio Villa, responsabile della Protezione Civile Anpas della Provincia di Piacenza, il Capo Squadra dei Vigili del Fuoco Daniele Travaini, le professoresse Tiziana Tansini e Patrizia Ghilardelli del Liceo Scientifico Statale Lorenzo Respighi, presenti con una folta rappresentanza di alunni che hanno seguito il progetto di alternanza scuola lavoro “For Cives”.

ANPAS esercitazione Pontenure

Un grazie particolare per il supporto è stato rivolto alla Cooperativa San Martino, alla ditta Delta Rem che fornisce i mezzi utilizzati nelle esercitazioni, al Caseificio Santa Vittoria, e a tutte le organizzazioni intervenute a vario titolo con una menzione speciale alla P.A. Croce Blu di Mirandola, alla P. A. di Salsomaggiore e al Seirs di Parma. Proprio dal territorio di Parma erano presenti anche i due responsabili di Protezione Civile Anpas Luigi Iannacone e Alberto Panizzi.

ANPAS esercitazione Pontenure

Nel momento di ricordo di Alberto Casella sono state chiamate per una targa ed un omaggio floreale la mamma di Alberto insieme alla moglie Anna e le figlie Beatrice già facente parte dello staff e Letizia. Dopo il pranzo nella sede di Via Emilia Parmense 19, si è tenuto un breve debriefing per tracciare eventuali criticità operative analizzate.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.