Cgil, 7mila euro per tre iniziative di solidarietà

A poco più di un anno dalla scomparsa la Cgil piacentina ricorda Nicoletta Ramoscelli, responsabile dell’Ufficio Vertenze individuali della Camera del Lavoro e attivista dei diritti del lavoro per oltre 30 anni, e celebra con una serie di atti di beneficenza l’importanza del “bene pubblico salute” e della solidarietà.

“Atti concreti di beneficenza – ricordano dal sindacato – possibili grazie ad auto-tassazione e iniziative solidali per una cifra complessiva pari a 7mila e 240 euro“.

Nicoletta Ramoscelli

IN FAVORE DI EMATOLOGIA – Come già anticipato, primo passo sarà martedì 17 settembre, alle ore 11, in Direzione generale dell’Azienda Usl di Piacenza, dove Gianluca Zilocchi, segretario Cgil di Piacenza, consegnerà un assegno di 3mila euro in favore dell’Associazione Piacentina per lo studio e la cura delle Leucemie e altre malattie del sangue (Apl) nelle mani del primario del reparto di Ematologia, Simone Vallisa, e del direttore generale Ausl, Luca Baldino.

Alla cerimonia di consegna dell’assegno parteciperanno anche i familiari di Nicoletta. E questo è solo il primo passo delle beneficenze che la Cgil -. attraverso donazioni volontarie ed eventi di solidarietà – elargirà nei prossimi giorni. “Solidarietà – ricorda la Cgil – possibile grazie ad autotassazioni, marce dei pensionati dello Spi e il ricavato della seconda edizione di “Festa insieme” a Boschi Celati, che ha visto la partecipazione di Maurizio Landini, Giuseppe Giulietti e quattordici relatori sull’ambiente”.

CAMERA DEL LAVORO “CARDIOPROTETTA” CON PROGETTO VITA – Una solidarietà che si concretizzerà anche due giorni dopo la donazione al reparto di Ematologia. Infatti giovedì 19 settembre sarà la volta della “cardioprotezione” della Camera del Lavoro: con Progetto Vita e la dottoressa Daniela Aschieri verrà inaugurato un defibrillatore automatico negli spazi di via XXIV Maggio (ore 15 e 30) reso possibile dal Sindacato Pensionati della Cgil.

“Ogni anno viene gestito un afflusso di utenti nell’ordine di migliaia e migliaia tra richieste di tutela sul lavoro, patronato e assistenza fiscale – spiegano dalla Cgil – e l’installazione del defibrillatore, oltre a supportare il progetto di cardioprotezione lanciato da Progetto Vita, è un modo per ricordare anche Sergio Veneziani, presidente Auser, mancato di recente”.

All’appuntamento per la posa del presidio di soccorso parteciperanno, oltre alla Aschieri, Luigino Baldini e Fausto Modenesi dello Spi e il segretario organizzativo della Camera del Lavoro, Ivo Bussacchini. La posa del defibrillatore è frutto di una raccolta fondi che ha toccato mille e 240 euro.

AGLI HOSPICE DI PIACENZA E BORGONOVO 3MILA EURO – Infine, saranno altre due le donazioni che completeranno il percorso di solidarietà della Cgil Piacentina. Si tratta di due donazioni distinte ai centri di cure palliative del nostro territorio: 1500 euro all’Hospice di Piacenza e 1500 all’Hospice di Borgonovo “che”, fanno sapere da via XXIV Maggio, “verranno perfezionati entro il mese di ottobre 2019”.

“Il genere di assistenza che offrono gli Hospice al nostro territorio rappresenta un fiore all’occhiello del nostro sistema, ma per mantenere i livelli eccellenti in queste strutture di cura per malati terminali è necessario l’aiuto di tutti: Asl e società civile. Mantenere questi presidi è importante e ogni iniziativa va sostenuta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.