Due rotatorie e quasi 5 milioni per collegare il nuovo ospedale alla città

Il conto per collegare il nuovo ospedale alla città è di almeno 4 milioni e 650mila euro, per la precisione 4.654.800.

A tanto infatti – sulla base delle stime economiche contenute negli studi preliminari per la realizzazione del nuovo nosocomio cittadino – ammontano le spese delle opere di urbanizzazione “primaria” per connettere la nuova struttura al contesto urbano, comprese quelle di acquisto della superficie. La cifra naturalmente riguarda l’area Farnesiana 6, quella prescelta dalla giunta comunale tra le sei in lizza e sottoposta all’approvazione (arrivata con i voti della maggioranza di centrodestra a fine luglio) del consiglio comunale.

Realizzare il nuovo ospedale costerà complessivamente circa 160 milioni, risorse stanziate in gran parte dalla Regione Emilia Romagna, ma dagli studi eseguiti nelle settimane passate da Comune e Provincia di Piacenza è possibile estrapolare le spese legate ai servizi di collegamento alla città, dalla viabilità, alle reti di acqua ed energia, fino al costo di acquisizione della superficie designata.

Per l’area Farnesiana 6 il dettaglio dei costi stimati è il seguente: un milione e 8mila euro per la realizzazione dell’acquedotto, 346mila e 800 euro per la rete fognaria, 250mila per la rete elettrica e 50mila per il gas. A questi si aggiungono 1milione e 500mila per l’adeguamento dell’accessibilità stradale (con la realizzazione di due nuove rotatorie come spiegato più sotto) e 700mila euro per adeguare l’accessibilità ciclabile. Infine il costo di acquisizione dell’area: da collocare entro un range compreso tra 800mila e 2milioni e 400mila euro, sulla base del costo a metro quadro di un terreno agricolo (da 5 a 15 euro/mq). Noi abbiamo preso in considerazione la valutazione più bassa.

Si tratta di costi a carico dell’Ausl di Piacenza – che realizza il nuovo ospedale – per quanto riguarda le reti, mentre le opere viabilistiche potrebbero essere ricomprese in un accordo sempre tra Comune e Ausl.

Nelle tabelle qui sotto è possibile fare un confronto di questi costi per ciascuna delle sei aree prese in considerazione dall’amministrazione comunale: le tre della Besurica, quella in prossimità de La Verza, e le due della Farnesiana, oltre a quella prescelta c’è anche l’area 5, l’unica interna al tracciato della tangenziale e l’unica non a destinazione agricola con valori di acquisto connessi alla sua edificabilità.

Dal raffronto dei costi si nota come tutte le superfici nei pressi della Besurica e quella di La Verza comportino costi di adeguamento viabilistico molto maggiore.

Quanto ammontano invece i costi connessi all’area Farnesiana 5 (quella interna alla tangenziale)? Del tutto simili a quelli dell’area Farnesiana 6 in relazione alle reti e alla viabilità (3 milioni 846mila euro a fronte dei 3milioni e 854mila), la differenza vera è data dai costi di acquisizione della superficie, certamente più elevati (ma in realtà non stimati nello studio) per via della sua destinazione edificabile.

Due nuove rotatorie per il nuovo ospedale – L’area Farnesiana 6 per la sua collocazione si presta alla realizzazione di due accessi differenti, uno dallo svincolo della tangenziale sud, che collega a Strada della Novate, ed uno dalla Strada Farnesiana (vedi foto in alto). Questa duplice possibilità risulta funzionale per le successive scelte progettuali che potranno eventualmente anche differenziare l’accesso dell’utenza da quello dei fornitori, dei mezzi tecnici, ecc..

In ogni caso la direttrice di via Farnesiana risulterà quella principale per l’accesso dall’area urbana. Si ritiene fondamentale la realizzazione delle rotatorie tra la stessa via Farnesiana e la tangenziale sud che migliorerebbero la situazione esistente sia in termini di sicurezza, sia con riferimento alla fluidificazione del traffico. Le risorse necessarie stimate sono di circa 1milione e 500mila euro per adeguamento viabilità di accesso e rotatorie su intersezioni via Farnesiana e tangenziale sud. Per quanto riguarda la mobilità ciclabile si stimano interventi di collegamento per circa 700mila euro.

Costi elevati per l’adeguamento della rotatoria della Galleana – Nei documenti dell’amministrazione comunale si fa anche cenno ai costi per l’adeguamento della sola rotatoria della Galleana: ricordiamo che un ordine del giorno presentato da Fratelli d’Italia in questo senso è stato approvato all’unanimità dal consiglio comunale.

Se si considerasse l’adeguamento della rotatoria nella sua versione più infrastrutturata i costi sarebbero dell’ordine di almeno 10 milioni. La localizzazione nel tratto a una corsia per senso di marcia potrebbe inoltre nel tempo rendere necessario l’ampliamento della tangenziale e, tenuto conto che un tratto è interrato, l’ordine di grandezza potrebbe essere superiore a 20 milioni.

500mila euro all’anno per collegare gli autobus – Nell’ambito delle analisi compiute relativamente all’accessibilità delle aree è stato approfondito anche il tema del trasporto pubblico locale congiuntamente a Tempi Agenzia che ha sottolineato alcuni aspetti.

Allo stato attuale non vi sono elementi sufficienti per stilare una graduatoria delle possibili aree; si ritiene che il forte decentramento della nuova struttura ospedaliera, renderebbe necessaria l’attivazione di un servizio dedicato Ferrovia/centro – ospedale (della frequenza 10/15 min); la nuova organizzazione del servizio comporterà, per la quasi totalità degli utenti del trasporto pubblico la necessità di effettuare almeno un interscambio sulla relazione casa – ospedale; per l’attivazione del nuovo collegamento ferrovia/centro – ospedale si stima un fabbisogno annuo di circa 250.000/300.000 vett*km (ulteriore rispetto al servizio attuale), quantificabile in circa 500 mila euro ogni anno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.