In Fondazione le novelle di Grazia Deledda lette dal braille

Martedì 3 settembre alle 18 all’Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano è in programma un incontro culturale che prevede la lettura di due novelle di Grazia Deledda da parte di due comuni cittadini. La prima lettura sarà effettuata da un lettore vedente a partire da un libro scritto in nero, cioè nei comuni caratteri di stampa, mentre la seconda da un lettore non vedente che leggerà dal braille.

L’incontro costituisce una tappa del progetto «Grazia Deledda in Esalettura», nato nel 2016 in occasione delle celebrazioni per i 90 anni dal conferimento del Premio Nobel e gli 80 anni dalla morte di Grazia Deledda, ed è stato reso possibile dalla collaborazione tra la sezione dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Nuoro e quella di Piacenza.

“Il fine dell’iniziativa – spiegano gli organizzatori – è duplice: da una parte diffondere la conoscenza dell’autrice italiana, dall’altra dimostrare in modo pratico che anche un testo letto in braille permette alle persone non vedenti di partecipare alla propria crescita sociale e culturale”.

A tutto il pubblico presente sarà donato il volume dell’opera da cui sono tratte le letture.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.