Nomine, salta la procedura unificata per le superiori. I sindacati “Alcuni presidi vogliono scegliersi i docenti”

“A differenza degli anni scorsi, non sarà organizzata la procedura unificata (scuola polo) per le scuole secondarie di secondo grado. Si effettuerà invece per la scuola secondaria di primo grado”.

E’ quanto comunicano “con rammarico e delusione” i sindacati del mondo della scuola di Piacenza a tutti i docenti iscritti nelle graduatorie di istituto. “Nonostante gli sforzi e la disponibilità ampiamente profusi da molti dirigenti, dai sindacati da tutte le segreterie scolastiche – si legge in una nota – due capi di istituto hanno stabilito, al di fuori di ogni logica di rete, di procedere alle nomine autonomamente. Questa decisione, legittima ma non rispondente a criteri di efficacia ed efficienza, comporterà ritardi e disagi per l’intero corpo docente, le segreterie e gli studenti”.

“Auspichiamo che quanto accaduto in avvio di questo anno scolastico non si verifichi più: siamo consapevoli del valore insito nel “fare rete” che è garanzia di utilizzo al meglio delle competenze e certezza di risultati trasparenti in tempi ottimali”.

“Ai Dirigenti – concludono – chiediamo che le convocazioni da singole scuole siano inviate nella stessa giornata con inizio del servizio martedì 24, in contemporanea con i supplenti delle scuole di primo grado, garantendo le pari opportunità a tutti i docenti presenti in più graduatorie”.

Alla nota, firmata da FLC CGIL Piacenza, CISL SCUOLA Piacenza, UIL SCUOLA RUA Piacenza, SNALS CONFSAL Piacenza, GILDA UNAMS Piacenza, ne è seguita una seconda a firma della sola Gilda in cui si chiede all’ufficio scolastico regionale “di non riuscire a governare uniformemente i presidi” e viene auspicato “l’intervento del ministero della pubblica istruzione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.