Polychlores, a “La Fabbrica 54” i battiti di colore di Nes Lerpa. Un’opera dedicata alla Lilt

Più informazioni su

Sabato 21 settembre dalle ore 18, vernissage del pittore Nes Lerpa a Larzano di Rivergaro, presso La Fabbrica 54, con l’esposizione di tele, ceramiche ed acquarelli dell’artista danese.

La Fabbrica 54, che ospita eventi culturali o di intrattenimento di qualità, si veste per l’occasione dei colori e dell’energia di Nes, adattandosi al suo spirito libero e al suo modo di vivere la pittura e l’arte, facendo convivere ogni sala con l’ecclettismo delle opere dell’artista in perfetta armonia.

Nes Lerpa, figlio d’arte, è nato a Copenaghen nel 1942 e durante il suo percorso artistico e di ricerca, ha vissuto in tante località del pianeta, portando con sé immagini ed emozioni che ha trasposto nelle sue opere. In questi ultimi anni ha scelto due luoghi particolari in cui vivere e lavorare: la sua terra d’origine, la Danimarca, dove il suo studio si affaccia sulla pace di un piccolo deserto e la provincia di Piacenza, dove invece il suo studio domina le dolci colline della Val Tidone, luogo tranquillo e incantevole, pieno di spunti creativi.

Pittore astratto e concettuale, Lerpa ha iniziato la sua carriera giovanissimo, all’inizio degli anni Sessanta, e ha allestito la prima mostra personale nel 1961 a Copenaghen, la sua città natale; da quel momento sono davvero tante le personali realizzate in tutti i paesi del mondo che hanno riscosso sempre plausi dalla critica e dagli amanti dell’arte. Spesso i suoi spazi espositivi sono distese di prati verdi o cieli aperti dove le sue opere, che traggono ispirazione dalla natura, diventano parte di essa, rendendo confusa e labile la distinzione tra nuvole, fiori e le pennellate di Lerpa.

Per il vernissage di sabato 21 l’artista ha deciso un titolo che risale agli studi dello scienziato svedese Linneo: Polychlores è il nome di una particolare farfalla, la Vanessa multicolore, che è l’incarnazione delle sue opere ispirate dalla natura, che fondono energia e colore come battiti di ali libere e leggere. Sabato, con il sottofondo delle note di quattro musicisti d’eccezione, sarà possibile fare una passeggiata tra le sue numerose opere e in compagnia dell’artista.

I presenti saranno spettatori di una performance che Lerpa regalerà; fedele alla sua filosofia, nella quale l’arte può essere un’arma tanto potente quanto pacifica per sensibilizzare gli animi, il pittore ha deciso di dedicare un’opera alla LILT (Lega Italiana lotta ai Tumori) di Piacenza, che verrà messa all’asta per sostenere la ricerca contro il cancro e la promozione di stili di vita sani. Donare la sua arte per aiutare chi ne ha più bisogno, è parte costante del pensiero di Nes Lerpa, che da sempre condivide e fa sue iniziative di sostegno e divulgazi one del volontariato; l’arte stessa diviene forma di benessere e prevenzione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.