Riqualificare l’edificio dell’ex stazione bus, in Piazza Cittadella scatta “L’Operazione Dignità”

Due giornate per riqualificare l’edificio dell’ex stazione delle corriere in Piazza Cittadella a Piacenza.

L’iniziativa – che ha preso il nome di “Operazione Dignità” – è stata lanciata dal “Comitato due piazze, Cittadella e Casali” ed è prevista per venerdì 13 settembre – dalle 9 – e sabato 14 settembre, dalle 9 e 30.

Come spiegato nella mattinata del 10 settembre nel corso della conferenza stampa in cui sono stati presentati tutti i dettagli dell’intervento, durante le due giornate si eseguiranno nello specifico “lavori di pulitura e tinteggiatura della facciata principale dell’edificio dell’ex stazione delle corriere.

L’ “Operazione Dignità” – hanno poi evidenziato dal comitato – si svolgerà nell’ambito delle collaborazioni della cittadinanza a servizi ed opere di pubblica utilità promosse dall’Amministrazione Comunale con la formula “Attiviamoci per Piacenza”.

Gli scopi dell’intervento – viene spiegato – sono “restituire riconoscibilità e dignità al fabbricato e sollecitare studi e valutazioni approfonditi e progetti di lunga prospettiva sulle sistemazioni e funzioni delle storiche piazze Cittadella e Casali e sulle potenzialità di riuso dei due edifici comunali novecenteschi che vi sorgono (stazione delle corriere e mercato coperto)”. Tutto ciò affinchè “la spesa pubblica sia indirizzata verso interventi di recupero edilizio, di ricerche archeologiche e di restauro e ripristino filologico, piuttosto che verso operazioni di trasformazione urbanistica non necessarie alla città e potenzialmente pericolose per le finanze pubbliche e per la tutela dei beni culturali”.

Dai membri del comitato, l’invito “a tutti i cittadini e le cittadine a partecipare o anche semplicemente ad assistere all’”Operazione dignità”, nei tempi e nei modi che vorranno, con la supervisione e il coordinamento di esperti del comitato dei cittadini promotori.

conferenza stampa

LA STORIA DELL’EDIFICIO IN PIAZZA CITTADELLA –  Durante la conferenza stampa è stata anche ripercorsa brevemente la storia, unitamente a possibili utilizzi futuri, dell’edificio oggetto dell’intervento. “L’ edificio – hanno raccontato i membri del comitato –  è stato realizzato nella storica piazza Cittadella a metà degli anni ’50 del secolo scorso, su progetto dell’architetto piacentino Carlo Felice Cattadori. La facciata principale è rivolta verso il palazzo Farnese, uno dei massimi monumenti di Piacenza, sede dei musei civici. Posteriormente si affaccia su un giardinetto ed è contornato su tre lati da una semicorona di alberi di grandi dimensioni, che offrono ombra e formano una quinta di valore paesaggistico.

Dal 2015, dopo il trasferimento dell’autostazione in Via Colombo – Via Pisoni è in disuso, è in evidente stato di abbandono ed è deturpato da innumerevoli scritte ed affissioni. Ha forme semplici e proporzionate. Le grandi vetrate consentono una diffusa illuminazione interna e ottima visibilita’ della piazza e dei suoi monumenti. I volumi e gli spazi, pur essendo stati pensati per un uso specifico, secondo i principi dell’architettura razionalista, sono potenzialmente riutilizzabili, grazie alla flessibilità distributiva degli spazi interni, per varie funzioni (ufficio informazioni, di accoglienza e promozione turistica specialmente riguardanti cultura e paesaggio, sala mostre ed altri possibili usi legati alla sua particolare collocazione).

Semplici lavori di manutenzione ordinaria possono ripristinare il suo aspetto esteriore originale e migliorare il decoro della piazza; la sua destinazione ad usi d’interesse generale può contribuire a rendere di nuovo frequentato e quotidianamente vivibile questo spazio pubblico”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.