Servizio Civile, da Africa Mission 10 posti tra Piacenza ed Uganda

E’ da poco uscito il nuovo bando per il Servizio Civile Universale, dedicato a chi ha tra i 18 e i 28 anni e desidera intraprendere un cammino di crescita umana e professionale dedicando un anno di impegno in Italia o all’estero.

Tra gli enti impiegati, la ong piacentina Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo, insieme a Focsiv (Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario) dà la possibilità a 10 giovani di partecipare a questa esperienza: offrendo 4 posti nella sede centrale di Piacenza, dove i volontari saranno impegnati nella realizzazione del progetto “Sfama il mondo 2019” e 6 in Uganda, più precisamente 4 a Moroto, in Karamoja e 2 ad Alito (diocesi di Lira) per il progetto “Caschi Bianchi – Uganda 2019”.

Come spiegato da Africa Mission, i ragazzi che opteranno per l’Italia potranno candidarsi per il settore comunicazione o formazione, mentre chi sceglierà l’estero verrà inserito nel settore ambientale o in quello socio-educativo, in base alle proprie esperienze e predisposizioni.

“In Italia, i due candidati del settore formazione avranno l’opportunità di collaborare nella stesura e nell’attuazione di progetti educativi e di sensibilizzazione, mentre chi si occuperà della comunicazione avrà, tra le altre cose, il compito di aiutare nella gestione dei social media e nella redazione di articoli e comunicati stampa – ha dichiarato Elisabetta Dordoni, referente del Servizio Civile per Africa Mission – Affiancare il team che si occupa delle perforazioni, occuparsi di formazione agricola per le famiglie più vulnerabili, supportare gli altri volontari nelle attività del centro giovani e dell’asilo, collaborare nell’accoglienza dei bambini più vulnerabili, invece, sono solo alcune delle attività che svolgeranno i ragazzi del servizio civile all’estero, divisi ovviamente in base al settore di appartenenza”.

Entrambi i progetti hanno durata annuale, per un monte ore settimanale di 25 ore sia per l’Italia che per l’Uganda e un corrispettivo mensile di 439,50 euro, con l’aggiunta per l’estero di una diaria di 13 euro. “Si tratta di un’esperienza formativa sotto molto punti di vista: non solo è un’occasione per entrare nel mondo del volontariato, ma è anche una possibilità concreta di acquisire professionalità nel campo della cooperazione internazionale” ha affermato il direttore del Movimento piacentino, Carlo Ruspantini.

Per chi fosse interessato a candidarsi c’è tempo fino alle ore 14 del 10 ottobre 2019.

COME CANDIDARSI? – Da quest’anno la modalità di candidatura è esclusivamente online sulla piattaforma DOL https://domandaonline.serviziocivile.it e ci si potrà candidare solo attraverso SPID, il sistema di autenticazione che permette a cittadini di accedere ai servizi online della pubblica amministrazione con un’identità digitale unica. L’identità SPID è costituita da credenziali (nome utente e password) che vengono rilasciate all’utente e che permettono l’accesso a tutti i servizi online.

Gli “Identity Provider” forniscono diverse modalità di registrazione, gratuitamente o a pagamento (info: https://www.spid.gov.it/). Per procedere con la candidatura, occorre seguire le istruzioni contenute nel bando e sul sito per le Dipartimento delle politiche giovanili e il Servizio Civile Universale https://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/.

Attenzione: è possibile presentare una sola domanda per un unico progetto e un’unica sede, e la procedura online non è più modificabile una volta inviata la domanda. Le candidature sono aperte fino alle ore 14 del 10 ottobre 2019.

Per informazioni mandare un’e-mail a Elisabetta betta.areauganda@coopsviluppo.org oppure telefonare al numero 0523 – 499424. Gli uffici della sede di Piacenza sono aperti dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14.30 alle 18.30. Per info sul servizio civile volontario www.serviziocivile.gov.it oppure www.focsiv.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.