“Un giorno per bene”, alla scoperta della Piacenza sotterranea (e non solo) grazie a 40 volontari culturali

Più informazioni su

Mille volontari in azione per valorizzare il patrimonio storico-artistico di Piacenza e di altre 25 città italiane.

Si tratta dell’iniziativa “Un giorno per bene”, ideata dal Touring Club Italiano con l’idea di “prendersi cura del paese per restituire alla comunità beni comuni bisognosi di cure e attenzioni”. Lo ha spiegato nella mattinata del 9 settembre Nadia Pellacani, responsabile del coordinamento delle reti volontarie per il Touring Club Italiano, intervenuta presso la Libreria Romagnosi per presentare tutti i dettagli dell’iniziativa che si svolgerà anche a Piacenza – coinvolgendo circa 40 volontari – sabato 21 e domenica 22 settembre.

“I riflettori sono puntati sui “beni comuni” del territorio nazionale – ha commentato ancora Pellacani – ma i veri protagonisti dell’iniziativa sono i cittadini che, in veste di volontari, faranno vivere luoghi e beni che appartengono alla comunità, prendendosi cura della propria città per renderla più accogliente, fianco a fianco con i volontari del Touring Club e delle numerose organizzazioni locali partner del progetto”.

Generico settembre 2019

Nella nostra città il 21 e il 22 settembre sono tre i luoghi al centro dell’iniziativa: i volontari accoglieranno i visitatori presso l’oratorio di San Cristoforo, inaugurato nel 1690, che conserva uno dei più sfolgoranti apparati pittorici integri di Piacenza fra seicento e primo settecento; alla chiesa di santa Maria in Cortina, una delle chiese più antiche della città; e ai sotterranei ristrutturati della cittadella viscontea, noti in quanto vi è conservato il fegato etrusco.

Per arricchire ulteriormente la due giorni, l’associazione culturale Archistorica proporrà al pubblico una camminata guidata nel centro storico, alla scoperta di altri antichi sotterranei normalmente non visitabili. “Nello specifico – ha spiegato il presidente Manrico Bissi – partendo dal “pozzo di Sant’Antonino” in Santa Maria in Cortina, ci si dirigerà al sotterraneo dell’oratorio di S. Giorgino, splendida chiesa secentesca sotto alla quale sono visibili cospicui resti delle antiche mura romane, quindi alla cripta dell’oratorio di S. Rocco, elegante tempio cinquecentesco innalzato sulle rovine della chiesa di S. Croce a Porta Nova della quale ha conservato l’originaria cripta. La camminata di Archistorica – ha aggiunto – si terrà nel pomeriggio di domenica 22 settembre, con ritrovo alle ore 14 e 30 – partenza ore 15 – e conclusione alle ore 18″.

Supporto all’iniziativa anche dal comune di Piacenza, dall’ufficio beni culturali della diocesi – era presente alla conferenza il direttore Manuel Ferrari – e dal Rotary Club Piacenza. “Da sempre diamo attenzione ai beni culturali e all’arte – ha detto il presidente Pietro Coppelli – , crediamo che il nostro patrimonio vada salvaguardato per mantenerlo in vita e donarlo ai nostri figli in futuro”.

PROGRAMMA “UN GIORNO PER BENE” A PIACENZA

Chiesa di santa Maria in Cortina, aperta al pubblico sabato 21 e domenica 22 settembre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Oratorio di San Cristoforo, aperta la pubblico sabato 21 e domenica 22 settembre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18

Sotterranei della Cittadella Viscontea, aperta al pubblico sabato 21 e domenica 22 settembre dalle 9 e 30 alle 13 e dalle 15 alle 18 (ultimo ingresso ore 17) con gruppi organizzati (max 30 persone) ogni ora (9 e 30; 10 e 30; 11 e 30; 12 e 30; e 15, 16, 17); prenotazione in loco

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.