Bettola, il sindaco Negri entra nella consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo

Paolo Negri, sindaco di Bettola (Piacenza), entra nella consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo.

Lo si apprende da una nota ufficiale della Regione, che dirige l’organismo voluto per attuare interventi a favore degli emiliano-romagnoli all’estero. Insieme a Negri fa il suo ingresso nella consulta anche Gian Domenico Tomei, sindaco di Polinago e presidente della Provincia di Modena. “I due nuovi membri sono stati ufficializzati oggi nella commissione Parità, presieduta da Roberta Mori” – spiega il comunicato.

A fare il punto sull’attività della consulta è il presidente Gian Luigi Molinari, pronto “alle sfide del prossimo mandato, dopo aver collaborato in questi anni con cento associazioni in tutto il mondo”. In vista della fine della legislatura, l’intenzione di Molinari è quella di “preparare una relazione che potrà essere un manuale per il prossimo mandato, con le cose ben fatte e quelle da migliorare”. “La consulta – continua il presidente – è appena tornata da una missione in Brasile ed è già stato fissato l’appuntamento in Canada a metà novembre; anche se fra gli obiettivi c’è una visita a Berlino, realtà importante perché c’è una comunità di emiliano-romagnoli che sta lavorando molto, soprattutto con i giovani.”

L’unico ‘neo’, secondo Molinari, è di non aver collaborato di più con la giunta, “incardinando le decisioni dentro l’Assemblea, si rischiano dispersioni di energia, mentre collaborando si arriverebbe alla valorizzazione dei nostri territori con azioni molto più efficaci”. Secondo la presidente Mori “la scommessa della Consulta è stata vinta. Quando ci siamo approcciati alla riforma dell’organismo – ha detto – l’obiettivo era quello di rafforzare il legame con i concittadini all’estero e di rafforzare le competenze all’interno del Parlamento regionale. Dunque, obiettivo raggiunto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.