Dopo l’infortunio nasce il “Protocollo Caorso”. Sindacati e Sogin fianco a fianco per la sicurezza

Dopo l’infortunio nasce il “Protocollo Caorso”: sindacati e Sogin fianco a fianco per la sicurezza dei lavoratori impegnati nelle centrali nucleari in dismissione.

E’ questo l’obiettivo comune uscito dall’incontro, tenutosi a Roma, tra il management Sogin e i confederali. Si vuole dare vita a un ente bilaterale che definisca un vademecum operativo per i lavoratori, sia dipendenti Sogin che delle ditte in appalto. Lo anticipa Giancarlo Barbieri di Cisl Piacenza e Parma, presente a Roma insieme al collega Massimo Tarenchi di Cgil Piacenza.

Il progetto è destinato a entrare presto nel vivo, con un nuovo incontro l’8 ottobre a Caorso in cui verrà fatto il punto rispetto alle criticità emerse in occasione dell’infortunio sul lavoro, verificatosi una settimana fa. Oltre all’elettricità sono infatti mancate, all’interno della centrale, “anche alcune linee telefoniche – dice Barbieri -, parleremo dell’ammaloramento dell’impianto, ormai vetusto”. Il 6 novembre, invece, il tavolo di discussione torna a Roma, dove sempre con Sogin, verrà fatto il punto rispetto alle altre sedi da coinvolgere.

Rispetto alla dinamica dell’infortunio, che ha coinvolto un operaio di 31 anni, folgorato da una scarica elettrica mentre stava lavorando in un edificio secondario della centrale di Caorso, nulla è emerso anche perché sono ancora in corso le indagini degli enti preposti. La Procura di Piacenza, in seguito all’incidente, ha aperto un fascicolo per lesioni colpose. Le condizioni del lavoratore, per fortuna, sembrano essere in ripresa.

LA NOTA STAMPA DI SOGIN – Sogin ha incontrato questo pomeriggio a Roma, presso la sede centrale, i rappresentanti sindacali nazionali, e del territorio piacentino, di Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil in merito all’incidente avvenuto il 25 settembre nella centrale di Caorso, nel quale è rimasto coinvolto un lavoratore di una ditta esterna impegnato in attività di manutenzione.

Sogin ha informato le organizzazioni sindacali che le condizioni di salute del lavoratore sono in miglioramento e, augurandosi possa presto ristabilirsi, ha rinnovato la piena vicinanza a lui e ai suoi familiari. Nell’incontro sono state fornite le prime informazioni raccolte dal “Gruppo interno di analisi”, costituito subito dopo l’evento, al fine di ricostruire puntualmente la dinamica dell’incidente e valutare eventuali azioni di miglioramento per evitare che simili eventi possano ripetersi in futuro.

In particolare, le parti hanno condiviso la necessità di garantire i più alti standard di sicurezza a tutela dei lavoratori, della popolazione e dell’ambiente. A tal proposito, si è confermata l’intenzione di proseguire la collaborazione congiunta di azienda e sindacati all’interno del “Comitato bilaterale paritetico sulla sicurezza”.

La prossima riunione tra le parti avverrà a Caorso alla presenza delle organizzazioni sindacali locali il prossimo 8 ottobre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.