Via al raduno degli alpini, il presidente Favero: “Accoglienza eccezionale, due giorni da ricordare” fotogallery

Raduno del Secondo Raggruppamento alpini, è iniziata con la sfilata e con l’omaggio ai caduti la prima giornata della manifestazione delle penne nere a Piacenza.

Dalle 15 circa di sabato 19 ottobre è partito l’“ammassamento” degli alpini provenienti da Lombardia ed Emilia Romagna in via Maculani, lungo le mura, a cui è seguito il corteo di circa 600 persone fino in piazza Cavalli, dove è stata deposta una corona al monumento dei Caduti alla presenza delle massime autorità cittadine e del Gonfalone del Comune.

L’apertura della manifestazione – che vivrà domenica mattina il suo momento clou con la sfilata di tutte le sezioni – è improntata alla memoria e al rispetto del cerimoniale. Nei video e nelle gallerie fotografiche i momenti principali del raduno. Ad accogliere il corteo alcune centinaia di piacentini che si sono raccolti in piazza Cavalli.

La prima giornata del raduno degli alpini

Sebastiano Favero, presidente nazionale dell’Ana (Associazione Nazionale Alpini) dice: “Siamo pronti e Piacenza è pronta, l’accoglienza è stata eccezionale, c’è l’entusiasmo giusto e speriamo anche nel tempo, ma per gli alpini non c’è problema perchè siamo insolubili anche all’acqua. I momenti come questi sono per riaffermare i nostri valori, faremo l’alzabandiera, rendendo onore ai caduti, perchè un paese che non ha memoria è destinato a morire e saremo qui insieme alla popolazione piacentina, saranno due giorni intensi tra alpini e Piacenza da ricordare”. 

E il presidente degli alpini piacentini Roberto Lupi aggiunge: “La prima giornata è molto significativa con la commemorazione dei caduti, la parte ufficiale prima della grande festa quando regnerà l’allegria e la goliardia, una manifestazione che in tanti piacentini rievoca l’adunata nazionale del 2013”. Alle 17 la Santa Messa in Duomo, mentre alle 21, nel salone di palazzo Gotico, il concerto della Fanfara Brigata Alpina Taurinense. In piazza Cavalli, dalle 22 e 30 invece, concerto e carosello fanfare – piazza Cavalli per tutti.

La prima giornata del raduno degli alpini

IL RICORDO DI DON “VITTORIONE” – Nella mattinata si è svolta a Montale la cerimonia per ricordare il 25esimo anniversario della scomparsa di don “Vittorione”. Nel giardino pubblico intitolato a don Vittorio Pastori insieme agli Apini di Varese e Piacenza, il sindaco Patriza Barbieri ha piantato una quercia per ricordare l’opera solidale e umanitaria svolta dal fondatore di “Africa Mission-Cooperation and Development”.

Nel video gli alpini durante i preparativi

In piazza Cavalli i preparativi per accogliere le penne nere

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.