+Europa Piacenza: la maggioranza del direttivo esce dal partito e sostiene Bonaccini alle regionali

Scissione all’interno del gruppo di +Europa Piacenza: un nutrito gruppo dei suoi componenti, compresi il coordinatore Fabrizio Faimali e l’ex Presidente della Provincia Francesco Rolleri, è uscito da +Europa “non condividendo le scelte della direzione e appoggerà Stefano Bonaccini nelle prossime elezioni Regionali”.

Nei giorni scorsi a Piacenza, nello spazio serra di Palazzo Nasalli Rocca, è andato in scena il direttivo del gruppo piacentino, con all’ordine del giorno un dibattito sulla frattura che si è aperta all’interno del partito il 2 settembre scorso, giorno in cui la Direzione Nazionale di +Europa ha scelto di schierarsi all’opposizione del nascente governo M5S-Pd. Una scelta che ha causato da subito la reazione dei parlamentari +Europa alla Camera Bruno Tabacci, Magi e Fusacchia, che hanno votato la fiducia al Governo. Nel mentre, il presidente di Centro Democratico Tabacci ha anche riunito il suo Consiglio Nazionale che ha stabilito l’uscita della componente centrista dalla compagine di +Europa.

“Abbiamo assistito a una vorticosa ascesa dei sovranismi e con la caduta del governo giallo-verde abbiamo attraversato un passaggio molto delicato – è il commento di Faimali -; come ha potuto un partito che si dichiara fortemente europeista votare contro l’unica maggioranza possibile che non prevedesse la partecipazione dei sovranisti di Salvini e Meloni? Pur con tutti i limiti della configurazione del nuovo Governo, era necessario promuovere la svolta e scommettere su un futuro dell’Italia, o quantomeno accordare un appoggio esterno votando i singoli provvedimenti”.

“Il nostro gruppo – conclude – continuerà a lavorare per sostenere questo Governo nel campo del Centro- Sinistra e appoggerà Bonaccini nelle prossime elezioni Regionali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.