Famiglia intossicata dal monossido. Tre persone in camera iperbarica a Fidenza

Famiglia intossicata dal monossido di carbonio in via Martiri della Resistenza a Piacenza, nella serata del 22 ottobre. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, la Croce Rossa e la Pubblica Croce Bianca.

La famiglia, mamma e papà e due bimbi, è rimasta intossicata probabilmente dal monossido di carbonio fuoriuscito dalla caldaia. Non appena gli operatori della Croce Rossa sono giunti nell’abitazione hanno trovato i bimbi, un maschietto di 7 anni e una bambina di 11, assopiti, mentre il papà accusava un forte mal di testa. I soccorritori a loro volta hanno iniziato ad avvertire bruciore agli occhi e gola secca e hanno quindi immediatamente aperto tutte le finestre e richiesto l’intervento dei vigili del fuoco, i quali hanno rilevato la presenza, all’interno dell’appartamento, di una forte concentrazione di monossido di carbonio.

Solo la madre non mostrava segni di intossicazione, e ha accompagnato in ambulanza i due figli sino al pronto soccorso cittadino insieme ai soccorritori della CRI, mentre il papà è stato trasportato dall’ambulanza dell’Anpas giunta sul posto in supporto. Dopo la visita medica, alle 23:30 i 3 intossicati sono stati trasportati da un’altra ambulanza della Croce Rossa di Piacenza all’ospedale di Fidenza per essere sottoposti al trattamento di ossigenoterapia iperbarica (OTI), anche se le loro condizioni non sono gravi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.