Festival della cultura tecnica, a Piacenza 34 iniziative fino al 18 dicembre

Il Festival della Cultura tecnica è promosso dalla Città metropolitana di Bologna e dalla Regione Emilia-Romagna, che co-finanzia il progetto tramite il Fondo Sociale Europeo P.O. 2014-2020 (rif. PA 2018/10705/RER) ed è realizzato in collaborazione con le province di Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia e Rimini.

Giunto alla sesta edizione nell’area metropolitana bolognese, il Festival “esporta” il proprio modello in tutta la regione Emilia-Romagna. A partire da giovedì 17 ottobre, oltre 200 appuntamenti in programma e 8 le province coinvolte: Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia e Rimini. Il festival, nato nel 2014 a Bologna e alla sua seconda edizione per Piacenza, ha l’obiettivo di promuovere e valorizzare la cultura tecnico-scientifica come strumento di crescita e rinnovamento culturale, sociale ed economico.

Alla rassegna 2019 promossa dal Comune di Bologna e Città metropolitana di Bologna, si affiancano 7 edizioni del Festival, in programma su tutto il territorio regionale.

A presentare la seconda edizione piacentina, in Provincia, il Consigliere con delega all’Istruzione Paola Galvani, il dirigente dell’I.S.I.I. “G. Marconi”, Mauro Monti in rappresentanza dell’Ufficio scolastico regionale – Ambito territoriale di Piacenza, la dirigente della Provincia di Piacenza Annamaria Olati e Pietro Natale, Direttore ENAIP Piacenza.

Il Festival della Cultura tecnica di Piacenza si rivolge a studenti, famiglie, cittadini, imprese e istituzioni con un calendario di 34 iniziative, in programma dal 18 ottobre al 18 dicembre, utili a valorizzare i percorsi scolastici, formativi e professionali in ambito tecnico-scientifico e, più in generale, dare spazio all’arte del saper fare e alle connessioni virtuose tra il fare e il pensare.

L’evento 2019, dal titolo “Tecnica: magia del futuro”, coordinato dalla Provincia di Piacenza, in collaborazione con il Comune di Piacenza e l’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia Romagna – sede di Piacenza, si terrà nei giorni 18 e 19 ottobre, nella Chiesa di Sant’Agostino a Piacenza: due giornate per un viaggio istruttivo e divertente nel mondo della tecnica e della scienza.

Venerdì 18 ottobre si aprirà con una tavola rotonda sul rapporto tra sistema scolastico e formativo e quello delle imprese, proseguendo con un virtual tour del tecnopolo di Piacenza – Casino Mandelli e si chiuderà con un incontro sulle scuole piacentine in rete: dal progetto Arianna a Piacenza Orienta. Un virtual tour anche nella giornata di sabato e un convegno su competenze tecniche e questioni di genere alle ore 11.

17 i desk delle scuole secondarie di primo e secondo grado del territorio piacentino, dei centri di formazione professionali accreditati per l’obbligo formativo, dell’Urban Hub e del Consorzio Bonifica di Piacenza che mostreranno al pubblico i loro progetti e le loro invenzioni. Numerose dimostrazioni, giochi ed esperimenti offriranno l’occasione per capire come tecnica e scienza possano contribuire alla coesione e all’integrazione sociale.

“Per la Provincia è un’iniziativa di fondamentale importanza. Vogliamo riportare l’attenzione – sottolinea Paola Galvani – sul rapporto tra imprese e sistema scolastico e formativo. Verranno coinvolti, in maniera inusuale e divertente, 700 ragazzi nella giornata di venerdì e 500 in quella di sabato”. Anche Monti e Natale hanno posto l’accento sull’importanza dell’alternanza scuola/lavoro “Il sistema duale che si sta sviluppando anche in Italia dà i suoi buoni frutti. L’alternanza scuola-lavoro ha permesso di far scoprire e comprendere la “cultura della tecnica”: l’innovazione tecnologica è mossa da un’ideologia e da una vera e propria cultura. Le professioni tecniche che il mondo del lavoro ci chiede sono ad alta qualificazione e le richieste, in termini numerici, non vengono ancora completamente soddisfatte. Il mondo del lavoro assorbirebbe il doppio dei tecnici che escono dalle nostre scuole”.

I Festival provinciali in Emilia – Romagna – in programma dal 17 ottobre al 18 dicembre – si configurano come occasione per porre una rinnovata attenzione al rapporto tra cultura tecnico-scientifica ed educazione, tra sviluppo sociale e sviluppo economico, tra sapere e saper fare. Il Festival nel suo complesso intende far conoscere le opportunità formative in ambito tecnico in Emilia-Romagna, in larga parte cofinanziate dal Fondo sociale europeo.

I calendari di ciascuna edizione sono stati definiti secondo una logica volta a favorire varietà e pluralità degli appuntamenti, a livello di soggetti promotori, contenuti, tipologia di evento, approccio metodologico e profilo dei destinatari.

Il programma dell’edizione piacentina al link https://www.provincia.pc.it/sottolivello.php?idsa=209&idbox=40&idvocebox=170

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.