Il vescovo Gianni “Grazie alpini, diffondete un messaggio di fratellanza nell’era dell’individualismo” fotogallery

“Grazie alpini, diffondete un messaggio di fratellanza in un momento storico in cui l’individualismo è prevalente”. Così il vescovo Gianni Ambrosio, che ha presieduto in Duomo la celebrazione della Santa Messa di avvio del raduno, ha voluto sottolineare la positività che caratterizza le penne nere.

“Siamo consapevoli – ha detto – del bene che fate, del servizio generoso e spesso silenzioso che offrite. Spesso quando parliamo di alpini, facciamo riferimento ai valori. I raduni hanno questo significato: diffondere un messaggio di fratellanza, solidarietà, amore. Il vostro è un abbraccio che unisce tutti.  In questo momento di individualismo molto presente, è invece importante trovarsi insieme e condividere la fratellanza”.

Prima della celebrazione della Santa Messa, accompagnata dal coro ANA Valtidone, è stato consegnato al presidente nazionale delle penne nere, Sebastiano Favero, la scultura di Franco Scepi “L’uomo della pace”. Nel 2018 Piacenza è stata nominata “Città mondiale di costruzione di pace”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.