La povertà è un circolo vizioso? Lunedì un incontro a Palazzo Galli

Siamo proprio sicuri che la povertà sia un circolo vizioso da cui non è possibile uscire, come sostiene una teoria di economia politica spesso citata dagli studiosi?

Del pregiudizio anticapitalistico in materia di distribuzione della ricchezza parlerà – in dialogo con Robert Gionelli – l’avv. Francesco Mozzoni alla conferenza, che si terrà lunedì 28 ottobre a Palazzo Galli della Banca di Piacenza (Sala Panini, ore 18), dal titolo “La teoria del circolo vizioso della povertà”.

La tesi economica citata teorizza l’impossibilità dei Paesi poveri di riscattarsi perché non riescono a remunerare i fattori produttivi. Il relatore, non condividendo questo assioma, porterà degli esempi che dimostrano come alcuni Paesi un tempo scarsamente sviluppati, siano riusciti a cambiare marcia attirando capitali dall’estero. Il capitale, dunque, è un fattore di sviluppo tanto quanto il lavoro.

La partecipazione è libera (precedenza a Soci e Clienti della Banca). Per motivi organizzativi, si invita a preannunciare la propria presenza (relaz.esterne@bancadipiacenza.it; 0523 542362).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.