“#parlumpiasintein” tra i vincitori del bando regionale sulla salvaguardia e valorizzazione dei dialetti

Per il secondo anno consecutivo il Comune di Piacenza, questa volta con il progetto “#parlummpiasintein…l’é seimpar posé bell”, è stato inserito tra i vincitori del bando regionale “Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna” istituito ai sensi della L.R. 16/2014. Dei 28 progetti pervenuti all’Istituto Beni Culturali, 14 sono quelli che fruiranno del contributo previsto, con Piacenza che a fronte di una richiesta pari a 25mila euro potrà beneficiare di un finanziamento di 17.500 euro.

Nella scelta dei progetti l’Ibc, sentito il parere del comitato scientifico regionale, ha posto una particolare attenzione a quelli che hanno dimostrato caratteri di continuità nel tempo, come pure a quelle proposte che sono state articolate su un insieme coordinato di azioni.

“La proposta piacentina – sottolinea l’assessore all’Identità e Tradizioni, Luca Zandonella – verrà declinata, nel biennio 2019-2020, in una serie di iniziative in grado di risvegliare e alimentare l’interesse per il dialetto locale, presentandolo come un codice attuale, al passo con i tempi e compatibile con la comunicazione digitale, e quale strumento di promozione del patrimonio culturale, architettonico e naturalistico di Piacenza città d’arte, facendone destinatarie soprattutto le giovani generazioni”.

Prosegue l’assessore: “Nel 2019, in particolare, verranno arricchiti i contenuti del sito web www.parlummpiasintein.it e dei canali collegati Facebook e Youtube, ai quali verrà affiancata una pagina Instagram. Un impegno particolare, nel 2020, sarà dedicato alle scuole, con incontri e iniziative i cui riscontri verranno in seguito valorizzati con la pubblicazione sui social. Sempre nel 2020, infine, saranno organizzati due convegni incentrati sull’approfondimento delle peculiarità linguistiche del nostro territorio e verranno realizzati alcuni video in dialetto piacentino per valorizzare la cultura e le tradizioni locali“.

Conclude Zandonella: “Prosegue quindi l’impegno dell’Amministrazione e dell’assessorato all’Identità e Tradizioni per salvaguardare e valorizzare il nostro dialetto e le varietà linguistiche della città, puntando in particolare sulle nuove tecnologie, sulle più recenti modalità di comunicazione e sul coinvolgimento diretto dei piacentini di qualunque età, con uno sguardo privilegiato alle giovani generazioni e ai nativi digitali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.